Martedì, 19 Settembre, 2017

E' proprio l'Inter di Spalletti, stesso c…o della Roma

Crotone-Inter probabili formazioni cronaca e risultato in tempo reale Live Crotone-Inter. Le probabili formazioni cronaca risultato e tabellino della partita in tempo reale sabato 16 settembre dalle ore 15
Cacciopini Corbiniano | 17 Settembre, 2017, 06:50

Queste le prime parole di Spalletti nel post partita del primo anticipo della 4^ giornata di Serie A. Perisic? Non ho toccato niente, lui è un leader e con i suoi rientri e la sua capacità di prendere palla tra i piedi e portarla dall'altra parte ha dimostrato di tenere alla squadra. Così la partita si è dipanata senza grosse emozioni. Handanovic è bravissimo all'8' su Tonev, ma soprattutto nella ripresa con due interventi degni di nota su una conclusione ravvicinata di Tonev e un colpo di testa a botta sicura di Rhoden. Il gol dello slovacco in mischia e il raddoppio del croato hanno evitato ai nerazzurri una sventagliata di critiche urticanti. Anche se allo Scida non si è visto proprio per un'ora, un gran gioco.

L'Inter è in testa senza grandi pressioni (quelle che abbiamo noi), con un allenatore che passa per fenomeno salvatore della patria e senza l'ombra di un gioco. Il Crotone ha impostato una saggia partita, tentando anzitutto di non far giocare la squadra di Spalletti. Poche le idee, pochissime le occasioni, con Icardi desolatamente isolato e Candreva o Perisic ai margini. Anche Tonev ha operato un tentativo velleitario. Unica punta Icardi dietro il tridente composto da Candreva e Perisic ai lati a supporto del centrale Joao Mario. La reazione dei padroni di casa è tutta in una punizione di seconda di Martella che esce a lato sulla sinistra. L'Inter ha protestato per un intervento di Mandragora su Gagliardini, non rilevato neanche dalla tecnologia. I crotonesi hanno creato alcune situazioni pericolose per la difesa nerazzurra. La Russia forse non ha fatto del tutto bene all'allenatore toscano, del resto non si può mica pretendere molto dall'unico allenatore ad aver litigato con un monumento del calcio come Totti. Prima Handanovic deve uscire tempestivamente ed è abile col corpo a chiudere su Tonev, poi è prodigiosa la sua respinta su conclusione ravvicinata di Rohden. Poi è la volta di Rohden, ancora una volta stoppato dal portiere interista. Ci sono voluti 82' minuti all'Inter per segnare al Crotone su un campo difficile per clima e avversario. I calabresi, infatti, sono una squadra grintosa e determinata. Tuttavia, quando vinci giocando male è buon segno, dicono gli esperti. A disp.: Festa, Viscovo, Aristoteles, Kragl, Izco, Pavlović, Trotta, Simić, Crociata.

Altre Notizie