Martedì, 19 Settembre, 2017

F1 Singapore, Ricciardo vola nelle Libere 2: dominio Red Bull

F1 Singapore, Ricciardo vola nelle Libere 2: dominio Red Bull F1 Singapore, Ricciardo vola nelle Libere 2: dominio Red Bull
Cacciopini Corbiniano | 17 Settembre, 2017, 05:24

Già nei primissimi minuti abbiamo avuto una piccola rivelazione da parte della Ferrari e della scuderia anglo - austriaca, la quale hanno usato con entrambe le vetture un treno di soft, sintomo che difficilmente sarà un compound che verrà utilizzato in gara, anche se gli imprevisti su questa pista possono rimescolare le carte in qualsiasi momento.

Una partenza dalla seconda fila che però non pregiudica nulla in ottica gara: "Pensavo che il miglior tempo sarebbe stato alla nostra portata, ma non siamo riusciti a progredire a sufficienza nel Q3". Quarto Valtteri Bottas (+1 " 252) con l'altra Mercedes.

"Ricciardo è stato anche l'unico pilota a scendere sotto il muro del 1'41", rifilando oltre mezzo secondo a Max Verstappen. Quinto tempo per la Renault di Nico Hulkenberg davanti alle McLaren di Vandoorne e Alonso. Il tedesco ha 2" 2 di ritardo da Ricciardo, ma ha dovuto abortire il suo giro migliore a causa del traffico in pista: "il tedesco ha infatti trovato davanti a sè Marcus Ericsson e ha rallentato per far raffreddare i suoi pneumatici.

Lontane le due Toro Rosso, che hanno finito la sessione alle spalle di Vettel, così come le Williams e le Haas, precedute da Jolyon Palmer in quattordicesima posizione. "Certo che credo nella vittoria!" " ha concluso così la sua intervista Daniel Ricciardo. Quindi posso essere piuttosto soddisfatto di questa qualifica". Le rosse non hanno vissuto una grande giornata, soprattutto nella seconda sessione, quella disputata nelle stesse condizioni di qualifiche e gare.

Una Red Bull dunque molto performante su questo tracciato grazie ad un pacchetto aerodinamico completamente nuovo e un assetto molto "morbido".

Chi ha ampiamente deluso al termine di questa sessione è stata senza dubbio la Ferrari, in nona e undicesima posizione rispettivamente con Kimi Raikkonen e Sebastian Vettel. Il giro di Seb è stato forte, non potevamo competere: "abbiamo girato bene, ma sembra abbia ottenuto il suo vantaggio nel primo settore, per cui non so cos'altro avremmo potuto fare". Tutto questo tenendo conto anche della Red Bull, che storicamente a Marina Bay ha sempre fatto molto bene, anche perché rispetto ad altre piste naturalmente patisce meno il gap di velocità e potenza pure e può sfruttare altre qualità.

Altre Notizie