Domenica, 19 Novembre, 2017

Udine, quattro studentesse inventano l'uovo per vegani: ecco com'è fatto

L’UNIVERSITÀ DI UDINE BREVETTA L’UOVO VEGANO			 14 settembre 2017- 19:48 L’UNIVERSITÀ DI UDINE BREVETTA L’UOVO VEGANO 14 settembre 2017- 19:48
Machelli Zaccheo | 15 Settembre, 2017, 19:09

Questo nuovo prodotto, che è refrigerato, pronto al consumo e da mangiare in insalata o in abbinamento a diverse salse, è particolarmente adatto alle persone che seguono una dieta vegana - cioè che esclude alimenti di origine animale - ma anche a chi soffre di ipercolesterolemia o celiachia perché è totalmente privo di colesterolo e glutine. Il brevetto è dell'università di Udine.

L'"uovo vegano", invece, è composto da ingredienti di origine naturale e vegetale, per lo più proteici, in particolare farine di diversi legumi, oli vegetali, un gelificante e un sale speciale.

Si tenterà di interessare soprattutto le piccole aziende specializzate nella produzione di cibo vegano e l'obiettivo è quello di soddisfare la sempre crescente domanda di prodotti di questo tipo.

Ha l'aspetto e le caratteristiche organolettiche di un uovo sodo di gallina, ma è interamente prodotto con ingredienti di origine vegetale. L'invenzione è di quattro studentesse del corso di laurea magistrale in Scienze e tecnologie alimentari dell'ateneo friulano, Francesca Zuccolo, Greta Titton, Arianna Roi e Aurora Gobessi, ed è frutto di un anno e mezzo circa di sperimentazione nei laboratori del dipartimento di Scienze agroalimentari, ambientali e animali dell'Università di Udine. Al momento, però, si tratta solo di un brevetto e per realizzarlo sono state effettuate tantissime prove per riuscire a ottenere la giusta consistenza e il giusto gusto. La docente Monica Anese spiega che "queste tre fasi, incluso l'evento finale di incontro con esponenti del mondo produttivo, rientrano in un progetto teso a sperimentare nuove modalità di erogazione della didattica, il cui scopo è favorire il trasferimento delle conoscenze teoriche sul piano applicato e ottenere un riscontro diretto dal mondo produttivo, mettendo in gioco non solo competenze professionali ma anche abilità personali, quali le capacità comunicative e di lavorare in gruppo".

Il sapore ancora non è stato definito, visto che non è stato ancora assaggiato, ma le ragazze universitarie hanno assicurato che i profumi sono molto simili a quelli dell'uovo tradizione di gallina."Il settore di interesse è l'industria alimentare, in particolare le aziende che producono già prodotti destinati a consumatori vegani o alimenti funzionali. Le studentesse hanno sviluppato la loro idea in questo contesto e il prodotto da loro immaginato ha mostrato connotati di originalità tali da suggerire l'esplorazione di vie per la brevettazione".

Altre Notizie