Lunedi, 18 Novembre, 2019

Vettel: "Innamorato delle Ferrari da sempre, dà sensazioni uniche"

La Ferrari con l'adesivo per festeggiare i 70 anni del Cavallino – Getty Images F1: Monza, fischi per rinvio qualifiche
Cacciopini Corbiniano | 03 Settembre, 2017, 19:33

Una vera e propria voragine tra l'inglese della Mercedes ed il tedesco della Ferrari che potrebbe risultare decisiva per il Mondiale. Felipe Massa e Stoffel Vandoorne chiudono la top ten. Bottas terzo a quota 197, poi Ricciardo a 144 e Raikkonen a 138. A Monza debutterà anche la specifica 4 del motore Ferrari che disporrà degli gli ultimi sviluppi possibili per quest'anno e potrà contare di qualche cavallo in più. Attenzione anche ai freni, le staccate sono diverse e tutte violente: è vero che i lunghi rettilinei permettono ai freni di raffreddarsi correttamente, ma uno staccatore coraggioso qui può esprimersi alla grande. L'inglese della Mercedes conquista la sua 69/a pole position - record assoluto - con 1'35 " 554.

Marchionne, presenta ai box, assiste a un pessimo pomeriggio Ferrari.

Nelle prove libere la Mercedes ha dominato senza discussione sulla Ferrari, anzi credo che Hamilton (secondo a fine giornata dietro al compagno Bottas) si sia lasciato del margine perché sembra poco credibile che dalla prima alla seconda sessione si possa migliorare solo di un decimo. Così, in italiano, Sebastian Vettel ha ringraziato il team e i tifosi via radio dopo aver tagliato il traguardo del GP d'Italia a Monza. Contestualmente alla manovra vincente del suo compagno di team, Raikkonen va lungo all'inizio del giro 9, perdendo tempo ma restando in sesta posizione.

Le rosse dovrebbero essere attrezzate meglio per la gara di domani, dove non è prevista pioggia. Sarà dura anche per le temperature.

Ma per la Pole position si procede di quanrto d'ora in quarto d'ora, da un rinvio all'altro.

Ma quello che preoccupa è la difficoltà della Ferrari ad interpretare l'utilizzo degli pneumatici da bagnato, l'attenuante è che non potendo cambiare per regolamento gli assetti e il carico aerodinamico per la pioggia, si sono concentrati sulla gara come detto soleggiata. Le Ferrari si leccano le ferite: settimo e ottavo tempo con Raikkonen e Vettel. Vettel, però, riesce a difendersi dagli attacchi della Red Bull, e mantiene il terzo posto, contenendo così i danni. La conferma dei piloti "dà per lo meno una prospettiva piuttosto chiara alla scuderia" e la grande novità, ha aggiunto, è che "abbiamo un piano di sviluppo per la vettura per il resto dell'anno, non solo per la gara", e i miglioramenti in programma per i prossimi Gp "stabiliscono una base solida per il 2018".

Altre Notizie