Вторник, 12 Декабря, 2017

Iliad, sale utile nel semestre, investiti 58 milioni in Italia

Iliad: il nuovo operatore mobile italiano si chiamerà “ho.” ILIAD: IN PRIMO SEMESTRE UTILE NETTO +22,1%, FATTURATO +7,3%
Esposti Saturniano | 01 Сентября, 2017, 22:34

Come sempre non mancheremo di informarvi (e continuare a regalarvi qualche anteprima) su tutti gli sviluppi inerenti lo sbarco di Iliad, e a questo punto meglio dire ho. mobile, in Italia.

A quanto pare, dunque, la profezia di Viking74 si è avverata e Iliad scalda i motori, pronta ad introdurre in Italia il quarto gestore mobile che avrà il sito all'indirizzo www.homobile.it e sarà gestito da Purple Network, azienda che realizza siti web.

Iliad prevede di creare "un migliaio di posti di lavoro" in Italia. C'è interesse anche per la telefonia fissa e vi sono già contatti in corso, in particolare con Enel, ma al momento non è la priorità.

Nei primi sei mesi dell'anno ha investito in Italia 58 milioni di euro per preparare il lancio della telefonia mobile.

Come se non bastasse, Iliad dalla fine del 2016 al primo semestre 2017, si è assicurato una rete di raccolta di quasi 10.000 km di fibra e ha dispiegato il nucleo di rete, ha implementato soluzioni di roaming, negoziato i contratti di interconnessione e reclutato un team per assicurare la gestione operativa della nuova filiale italiana. La società è poi interessata a partecipare all'asta per le frequenze 5G.

Gli investimenti attesi saranno superiori al miliardo di euro, così come confermato dal direttore finanziario Thomas Reynaud.

Gli investimenti in Italia proseguiranno nel secondo semestre, dove Illad investirà circa 300 milioni di euro. "In seguito, quello che è sicuro e certo è che pagheremo 210 milioni a Wind/3 per parte delle frequenze nel 2018 e altri 180 milioni nel 2019". Il risultato operativo corrente ammonta a 430 milioni (+19,4%) e il margine operativo lordo (ebitda) consolidato totalizza 874,6 milioni (+8,2%).

L'utile netto semestrale è salito a 232,6 milioni dai 190,4 milioni di un anno prima su ricavi in crescita del 7,3% a 2,46 miliardi.

Altre Notizie