Martedì, 17 Settembre, 2019

L'attentato a Barcellona rivendicato dall'Isis: 13 vittime e oltre 100 feriti

Attentato a Barcellona decine di morti arrestato un uomo Barcellona: furgone sulla folla alle Ramblas, morti e feriti. Nuovo attentato in Spagna
Machelli Zaccheo | 19 Agosto, 2017, 13:05

Stiamo assistendo - e i tragici fatti di sangue di Barcellona e di Cambrils non fanno che confermarlo - alla progressiva deideologizzazione degli attentati compiuti sotto il segno dell'Isis in favore di una sorta di franchising del jihadismo che solo una decina di anni fa sarebbe stato inconcepibile. Un'auto ha infatti forzato il passaggio sulla Diagonal ferendo un agente e il conducente è poi scappato a piedi.

Una sparatoria sarebbe poi avvenuta nel mercato della Boqueria, che si affaccia sulle Ramblas. Nell'auto è stato trovato il cadavere del proprietario, ucciso a coltellate.

Intanto è stato arrestato un uomo di origine maghrebina, che ha noleggiato il furgone: non si sa se è l'autista. Il documento consegnato per l'affitto del furgone appartiene a Driss Oukabir, ma la polizia ipotizza che i documenti gli siano stati rubati dal fratello Moussa, appena arrivato dal Marocco.

I cinque uomini sono stati intercettati verso le due del mattino a un posto di blocco all'ingresso di Cambrils. La loro auto ha investito alcune persone che passeggiavano sul lungomare della cittadina. Sei persone sono state ferite, una delle quali in forma grave.

Imedia spagnoli e Polizia aprlano di attentato terroristico. Cinture esplosive finte invece che le bombole di gas ormai andate. Nell'attentato sono rimasti feriti tre italiani mentre Bruno Gulotta di Legnano, in vacanza con la famiglia, "è sicuramente morto", come ha annunciato questa mattina in conferenza stampa Giambattista Fratus, sindaco della sua città. Per quel che riguarda infine la nazionalità delle vittime, fonti della Farnesina parlano di "rischio di coinvolgimento" di nostri connazionali, precisando che le opportune verifiche sono attualmente in corso; al momento l'unica vittima straniera accertata è un cittadino belga. Tra le tredici vittime dell'attentato di Barcellona purtroppo, tra i più giovani, c'era un bimbo spagnolo di soli 3 anni.

"La tragica vicenda spagnola ci riporta nella maniera più violenta a una realtà che i più non hanno voluto vedere". Il terzo è in ospedale per fratture.

L'Isis ha rivendicato l'attentato, lasciando intendere che si tratta di una risposta gli attacchi anti Isis a Mosul ( liberata dall'Isis) e a Raqqa dove i miliziani dell'isis sono assediati. L'ambasciatore italiano in Spagna Stefano Sannino ha detto di non poter confermare la notizia di una vittima italiana. "Non va mai dimenticato un dato essenziale, e cioè che la Spagna è sempre stata al centro della propaganda jihadista sia di Al Qaeda sia dello Stato islamico", scrive Lorenzo Vita su Il Giornale, "ogni mappa del mondo secondo l'islamismo radicale, in ogni rivista, in ogni messaggio legato all'Europa, la Spagna è presente, ed è chiamata Al- Andalus: il nome che gli arabi diedero alla penisola iberica ai tempi delle prime razzie contro i regni visigoti".

Altre Notizie