Lunedi, 22 Luglio, 2019

Corea-Usa, Kim congela l'attacco a Guam: "Attendo mosse degli yankee"

Il braccio di ferro fra Stati Uniti e Corea del Nord desta preoccupazione comunità internazionale Corea del Nord, tensione in calo, toni più cauti su rischio conflitto
Evangelisti Maggiorino | 15 Agosto, 2017, 13:31

Prima di lanciare missili guarderò "un altro po' il ridicolo e folle comportamento degli yankee", ha affermato il leader nordcoreano, secondo quanto riportato dall'agenzia ufficiale Kcna.

La Corea del Nord fa un passo indietro sull'attacco agli Usa.

"Per disinnescare le tensioni e prevenire il pericoloso conflitto militare - precisa il leader nordcoreano - è necessario che gli Stati Uniti facciano innanzitutto scelte adeguate e le traducano in azioni in quanto hanno compiuto una provocazione introducendo enormi attrezzature strategiche nucleari vicino alla Penisola". Kim "ha esaminato il progetto per lungo tempo" e "ha discusso" con gli ufficiali del comando, spiega la Kcna, costatando che le forze armate di Pyongyang sono pronte a lanciare i missili in qualsiasi momento. Rohani ha aggiunto che se il programma nucleare venisse riattivato, potrebbe essere rapidamente portato a un livello molto più avanzato rispetto al 2015, quando venne firmato l'accordo per lo stop con il presidente Barack Obama.

(Teleborsa) - Dopo una settimana rovente con l'escalation di minacce tra Corea del Nord e Stati Uniti arrivata alle stelle, si allentano le tensioni tra i due Paesi.

Il presidente della Corea del Sud Moon Jae-in, in attesa della scadenza dell'ultimatum, aveva detto che Seoul cercherà di prevenire la guerra in tutti i modi e che in ogni caso "l'azione militare sulla penisola coreana può essere decisa solo dalla Corea del Sud".

Altre Notizie