Lunedi, 23 Ottobre, 2017

Federer in finale a Montréal

Cacciopini Corbiniano | 13 Agosto, 2017, 10:52

Si può discutere sul fatto che sia corretto o meno, ma per il momento è così e va accettato. Delusione per Nadal che, andando almeno in semifinale, avrebbe raggiunto la prima posizione della classifica Atp al posto di Andy Murray, fermo ai box per infortunio. Più passano tornei e settimane, e più il suo incredibile comeback assume i contorni di una favola scritta dal suo tifoso più accanito: "RF" ha azzeccato tutte le scelte, ha vinto tutti i tornei che contano ai quali ha partecipato, e dopo aver messo in bacheca due Slam e altrettanti Masters 1000 (più un ATP 500) è sempre più vicino a conquistare per la terza volta la Rogers Cup. Una di queste è il favorito della vigilia, Roger Federer, che non delude le aspettative nei quarti di finale e si sbarazza facilmente di Roberto Bautista-Agut (testa di serie numero 12) con un doppio 6-4 in poco più di un'ora di gioco. Haase riesce a portare il match al tie-break dove però Federer non gli lascia scampo chiudendo la contesa in due set. Ma stavolta, vista l'enorme posta in palio anche in chiave numero uno del mondo, Federer non ha fatto scherzi. I quarti si aprono con il match tra Haase e Schwartzman, proseguono con Federer-Bautista Aguto, mentre nella notte ci sarà il confronto tra la sorpresa Shapovalov-Mannarino, entrambi esordienti nei quarti di un Masters 1000 e infine Zverev-Anderson.

Ma questo ragazzino, grande promessa del futuro, ha ritrovato le energie, il coraggio, il calore del suo pubblico e, approfittando anche di un po' di tensione per il francese, anche lui poco abituato a certi palcoscenici ed occasioni, ha ribaltato l'incontro finendo per raggiungere una storica semifinale.

Roger Federer (SUI) b.

Altre Notizie