Lunedi, 23 Ottobre, 2017

Meloni stoppa l'alleanza con Alfano: "Corresponsabile del malgoverno della Sicilia"

Catanoso Catanoso: “Unità nel centrodestra solo con un candidato di Forza Italia”
Evangelisti Maggiorino | 12 Agosto, 2017, 07:33

Lo dicono gli esponenti di Mdp e Sinistra italiana, Angelo Capodicasa, Mariella Maggio, Pippo Zappulla, Luca Casarini e Bianca Guzzetta. A Roma come a Palermo. Un quadro che non ha risparmiato critiche anche nelle fila dei pentastellati che nella voce di Alessandro Di Battista, impegnato nel territorio a sostegno del candidato Giancarlo Cancellieri, esprime apertamente il suo dissenso: "Litigano i partiti fra loro, pensa a che livello di disperazione sono arrivati". "La Sicilia e i siciliani chiedono risposte alla politica - aggiungono - La situazione di crisi ordinaria e perenne in cui versa la Sicilia è tale da richiedere alla politica di tornare a recuperare un ruolo credibile". E credo, che a questo punto, ciò possa accadere solo con un candidato di Forza Italia. In particolare, il Cavaliere si sarebbe riservato di affidare alla solita Ghisleri dei sondaggi sui vari nomi in campo.

"È il tempo di ritornare alla parola pubblica, alla politica capace di organizzare discorsi e ricucire i fili delle istanze, dei bisogni, delle proposte che le comunità, i territori, le persone in Sicilia esprimono - concludono - in rottura con le politiche clientelari e ottuse che da 15 anni a questa parte hanno perpetrato i governi che si sono succeduti". Lo afferma il coordinatore del Pd, Lorenzo Guerini, in un'intervista al Messaggero. I candidati a governatore? Adesso, si attende un incontro ad Arcore da Berlusconi per discutere proprio di alleanze e candidature, insieme a Gaetano Armao, leader di Sicilia nazione. Riteniamo strategico il rapporto con il Pd, anche in un quadro nazionale, e lavoriamo per assicurare governabilità alla Sicilia. "Il Pd ora comprenda che da questa nostra premessa - osserva - ci sono tutte le condizioni per chiudere un accordo forte in grado di farci vincere contro i populismi e le riedizioni di coalizioni che rappresentano solo un salto all'indietro". "Semmai è anomalo che chi si candida alla guida dell'Italia come alternativa ai Renzi e ai Crocetta lo giudichi condizionante per la scelta del Presidente della Sicilia". Il coordinatore Gianfranco Miccichè ammette di non essere riuscito a chiudere l'intesa nel centrodestra con Angelino Alfano che al momento invece sembra vicino ad un accordo con il centro sinistra e impegnato a convincere dissidenti di Area Popolare.

Altre Notizie