Mercoledì, 17 Luglio, 2019

Nuoro, carro funebre senza assicurazione scortato dalla polizia al funerale

Operazione 'Mercurio Eye Insurance': 3.745 veicoli passati allo screening dalla polizia Provincia di Frosinone – In una settimana beccati 15 veicoli senza assicurazione, un pericolo per tutti
Evangelisti Maggiorino | 12 Luglio, 2017, 05:19

Sono questi i numeri dell'esito dei controlli effettuati dalla polizia nell'ambito dell'operazione, ad alto impatto, 'Mercurio Eye Insurance', attuata allo scopo di contrastare in maniera incisiva la circolazione dei cosiddetti 'veicoli fantasma'.

Le Province con più evasione nei controlli automatici sono Napoli (239 sequestri), Roma (120), Palermo (98), Cosenza (64), Reggio Calabria (62), Agrigento (58), Foggia (55), Catania (49); mentre le Province virtuose (zero sequestri nei controlli automatici) sono Sondrio, Treviso, Vicenza, Asti, Cuneo, Rimini, Ravenna; Siena, Pesaro, Macerata. Sono 23mila i controlli condotti invece dalla polizia stradale, il 90% dei quali italiani: 583 veicoli sono stati sanzionati poiché privi della copertura assicurativa (32 addirittura mai assicurati); la maggior parte dei veicoli non assicurati è risultato essere di cilindrata compresa tra i 1000 e i 5000; la fascia d'età dei contravventori più ricorrente è quella degli over 50 (28%) seguita da quelli di età compresa tra i 40 ed i 50 anni (20%); il maggior numero di violazioni è stato accertato nelle regioni Sicilia, Campania, Toscana e Lombardia. Il bilancio: 419.612 autoveicoli controllati, 2.419 sequestrati per mancata copertura assicurativa. Come racconta il direttore del Servizio controllo del territorio, Maurizio Vallone: "Quella più bizzarra in assoluto è sicuramente il carro funebre, con tanto di salma a bordo, che per non interrompere il funerale, che sarebbe stato anche un problema di ordine pubblico, l'abbiamo scortato fino alla chiesa, dopodiché abbiamo dovuto procedere al sequestro e francamente non sappiamo come la slama sia stata trasportata via". Si va dal nonno siciliano di 82 anni che aveva voglia di ciliegie ed è uscito, con un occhio bendato, senza assicurazione e la patente scaduta da quattro anni; al parroco in Abruzzo che ha confessato subito le sue colpe; all'uomo che a Bari è evaso dagli arresti domiciliari e circolava con patente revocata, dando le generalità del fratello; al disabile indigente romano, che circolava senza assicurazione e a cui gli agenti hanno finito per offrire il pranzo, ovviamente dopo avergli sequestrato l'auto. "Probabilmente avranno chiamato un altro carro funebre".

Altre Notizie