Mercoledì, 13 Novembre, 2019

Cern, ecco la particella Xi

Una nuova particela Scoperta al Cern particella con due quark pesanti: cosa prova Xi - VIDEO
Acerboni Ferdinando | 06 Luglio, 2017, 21:10

I barioni sono particelle subatomiche contenenti quark. È questa l'immagine usata dai ricercatori della collaborazione LHCb per descrivere la complessa dinamica interna della nuova particella, chiamata Xicc, scoperta presso il Large Hadron Collider (LHC) del CERN di Ginevra, in Svizzera. L'annuncio della sua scoperta arriva da Venezia, dove è in corso la conferenza della Società Europea di Fisica.

La particella Xi appartiene alla famiglia dei barioni, che costituiscono la materia visibile, ed è composta da tre quark. La particolarità di Xi si comprende considerando le diverse combinazioni di quark - i costituenti essenziali della materia, di sei tipi diversi - che possono formare barioni. In natura, i barioni sono pesanti quanto un quark. La sua massa, di conseguenza, è particolarmente grande: oltre 3.600 Mev, quasi quattro volte quella del protone. In questa nuova fase di ricerca sarà ancora fondamentale il contributo di LHC, che produce un alto numero di quark pesanti, e dell'esperimento LHCb, in grado di identificare il decadimento di particelle con quark pesanti con notevole efficienza. Tale particella ha al suo interno due quark pesanti, che è stato possibile osservare di persona.

Forse è stato un breve esperimento ma, nella fisica delle particelle, probabilmente è durato un "tempo considerevolmente lungo", ha spiegato il fisico di Oxford Guy Wilkinson, che ha partecipato all'esperimento. Passaleva sottolinea quindi che questa nuova particella "aiuterà a migliorare il potere predittivo delle nostre teorie", quelle che tentano di spiegare cosa tiene insieme la materia, nel caso si voglia escludere la presenza di Dio.

I due quark pesanti si muovono in una danza pari alla interazione di un sistema solare con due soli, mentre il terzo quark leggero gira intorno agli altri due.

Altre Notizie