Giovedi, 01 Ottobre, 2020

Tusk boccia proposta May sui cittadini Ue: peggiora la situazione

Evangelisti Maggiorino | 26 Giugno, 2017, 05:34

Il premier irlandese, Leo Varadkar, giovane debuttante a questo Consiglio come il presidente francese, Emmanuel Macron, pare essere rimasto il solo a illudersi che si possa fermare la Brexit: "Non vogliamo che lascino l'Ue, il mercato unico o l'unione doganale".

Ancora ostacoli da parte dell'Unione Europea al processo della Brexit.

Il cancelliere tedesco, Angela Markel, parlando al termine di un vertice Ue a Bruxelles, ha detto che le proposte del primo ministro britannico, Theresa May, sulla tutela dei diritti dei cittadini europei dopo la Brexit "non costituiscono una svolta".

Il deputato non si meraviglia affatto che a fare il primo passo sia stata non la Grecia, ma uno dei paesi europei più potenti: il Regno Unito.

Al summit si è parlato anche di migranti: "I leader hanno concordato di coordinarsi meglio nelle prossime settimane per aiutare l'Italia", ha assicurato Tusk, che ha spiegato che "la situazione resta critica per gli arrivi irregolari".

L'offerta presentata dalla premier britannica "è una prima buona proposta, che apprezzo, ma è chiaro che dobbiamo investirci molto più lavoro".

Sulla stessa linea di Junker anche Tusk: "La mia impressione è che la proposta della May va al di sotto delle nostre aspettative e rischia di peggiorare la situazione per i cittadini, ma la valuteremo una volta che avremo tutti i dettagli".

La May ha definito come un "giusto compromesso" la possibilità di lasciare ai suddetti cittadini la libertà di restare, aggiungendo che si aspetta lo stesso trattamento per i cittadini britannici residenti nei paesi europei.

Altre Notizie