Lunedi, 26 Ottobre, 2020

Ballottaggio comunali 2017: a Parma Scarpa sfida l'uscente Pizzarotti

La piazza in festa La piazza in festa Politica Depalma è sindaco. A lui il 52,3% de Gennaro al 47,6%Alle 23 affluenza al 61% 5 punti in meno rispetto al primo turno
Evangelisti Maggiorino | 26 Giugno, 2017, 03:51

Ieri sera, in piazza Garibaldi, si è svolto il confronto fra i due: tanta gente ha assistito, con la piazza divisa più o meno equamente fra i sostenitori dei due candidati. Pizzarotti del Movimento 5 Stelle era stato il primo esponente a guadagnarsi la ribalta nazionale diventando il primo sindaco di una città capoluogo. Lo scrive su facebook Daniele Ghirarduzzi, candidato M5s a Parma al primo turno delle elezioni amministrative dove domenica al ballottaggio si sfideranno l'ex M5s Federico Pizzarotti e Paolo Scarpa, candidato sostenuto dal Pd e da due liste civiche.

Adesso è lui che si deve difendere e sono gli altri che devono rincorrerlo. Laura Cavandoli, infatti, da candidata leghista al primo turno con il sostegno di tutto il centrodestra, ha raccolto il 19% dei consensi. Il centrodestra locale non ha espresso indicazioni chiare, ma il segretario della Lega Matteo Salvini ha impartito la linea per fare di Parma, ancora una volta, un esempio nazionale: ha chiesto di "fare qualunque cosa per mandare a casa il Pd di Renzi".

E a Parma per mandare a casa il Pd c'è una sola cosa possibile da fare, ovvero votare Federico Pizzarotti. Scarpa, invece, si fa forte di un profilo molto "civico", con l'obiettivo di pescare anche nel bacino del centrodestra parmigiano che cercherà di attrare su temi come diritti civili, accoglienza e ambiente, sui quali Pizzarotti è percepito più a sinistra dello stesso Scarpa. Immediate le critiche e le proteste che arrivano sotto il suo post di endorsement dagli elettori di Parma.

Altre Notizie