Martedì, 16 Luglio, 2019

Gentiloni, far presto su Ius soli

Beppe Grillo in una Beppe Grillo in una
Evangelisti Maggiorino | 24 Giugno, 2017, 16:35

L'attacco alla legge è durissimo: "Sullo ius soli il MoVimento 5 Stelle si è astenuto alla Camera e come annunciato altrettanto farà, con coerenza, al Senato. Trattasi non di legge, ma di pastrocchio invotabile".

Roma, 17 giu. (askanews) - "Il messaggio del video è molto semplice: è arrivato il tempo di considerare a tutti gli effetti questi bambini come dei cittadini italiani". "La cittadinanza a questi bambini è un pezzo della nostra sicurezza e per questo che dobbiamo procedere e concedere questo diritto a chi se lo merita in modo così evidente". Glielo dobbiamo, è un atto doveroso e di civiltà.

"A chi guarda con diffidenza a questa decisione voglio dire - ha proseguito Gentiloni ospite a Bologna della Repubblica delle idee - che diventando cittadino italiano acquisisci diritti, ma anche doveri. Non sottovalutiamo l'importanza della nostra cultura e della nostra identità".

Sul tema è intervenuto anche il ministro dell'Interno Marco Minniti.

"C'è solo una strada - la chiosa del premier - per contenere le minacce alla nostra sicurezza". Fermo restando la regola del superamento di un ciclo scolastico, chi invece arriva in Italia tra i 12 e i 18 anni diventerà italiano dopo aver vissuto sul territorio per almeno sei anni. A incendiare il clima c'è anche un'iniziativa di Gianni Alemanno, segretario del Movimento nazionale, che pubblica sul suo sito l'elenco dei senatori di maggioranza che dovrebbero votare la legge, chiedendo ai cittadini di "responsabilizzarli", perché questa legge sarà "un ulteriore incentivo agli insostenibili flussi migratori".

E negare la cittadinanza sulla base dello Ius sanguinis a un neonato significa semplicemente discriminare le persone in base a un dato genetico, come si fa negli allevamenti dei purosangue o dei cani di razza. Il punto è un altro ed è di merito.

Il Terzo polo è stata una meteora, un sogno che faremo presto a dimenticare, grazie agli artisti che ce ne hanno offerto una grande opportunità: test bocciato! "La domanda è se sia questo il momento giusto, durante la stagione degli sbarchi".

Sul proprio blog ufficiale, Grillo critica aspramente gli altri partiti: "Quello dell'immigrazione è un problema serio e sentito da tutti gli italiani". Ma poi via via prevalgono i toni più da propaganda politica: "Non parlarne e lasciare tutto come è, blaterando di xenofobia e populismo, conviene soltanto ai partiti che con le cooperative dell'immigrazione ci hanno lucrato per anni".

Il responsabile del Viminale ha voluto ribaltare il concetto caro a chi è contrario alla legge sulla cittadinanza e ha affermato che non è vero che l'immigrazione è l'anticamera del terrorismo, quanto il contrario, poiché, a giudizio di Minniti, un paese ben integrato è più sicuro.

Il fatto che un italiano figlio di immigrati venga considerato italiano non è più un diritto fondamentale per il Movimento 5 Stelle o forse, a prescindere dalle parole pronunciate in passato da uno dei suoi esponenti principali, non lo è mai stato.

Altre Notizie