Sabato, 21 Ottobre, 2017

Blue Whale, prima persona indagata in Italia

Blue Whale indagata 20enne milanese per contatti con ragazzina romana Blue Whale, giovane indagata a Milano per istigazione al suicidio di una ragazzina di 12 anni
Evangelisti Maggiorino | 20 Giugno, 2017, 03:57

C'è il primo caso, in Italia, di una persona iscritta al registro degli indagati per la "Blue Whale", il gioco suicida che avrebbe preso piede in Russia per poi estendersi (anche se i presunti casi sono tutti da verificare) in alcuni Paesi dell'Occidente. La ragazza avrebbe spinto una ragazzina di 12 anni a compiere atti di autolesionismo, convincendola a procurarsi alcuni tagli e a inviarle le foto relative agli stessi.

L'ipotesi di reato è quella di istigazione al suicidio, e ad essere indagata è una 20enne di Milano, che avrebbe contattato una 12enne romana tramite Instagram.

L'indagine è appena agli inizi tanto che, dopo il sequestro di un notebook e del telefono all'indagata ai primi di giugno e l'acquisizione del cellulare della vittima, nei prossimi giorni si terrà un accertamento tecnico irripetibile per appurare il tenore dei messaggi incriminati e se davvero siano stati spediti dalla 20enne. Le segnalazioni sono arrivate soprattutto da genitori e insegnanti, preoccupati. Certo è che le segnalazioni stanno continuando a arrivare.

Altre Notizie