Giovedi, 14 Dicembre, 2017

Londra, morti Gloria e Marco. Nella torre "oltre 100 morti"

Londra, grattacielo in fiamme. Evacuati molti residenti, 30 feriti INCENDIO “SENZA PRECEDENTI” A LONDRA
Esposti Saturniano | 20 Giugno, 2017, 00:49

Per quanto riguarda la lista dei dispersi, hanno sottolineato che "questa non è questione di competenza del municipio, ma del medico legale, della polizia e degli altri servizi di emergenza", secondo quanto riportato dal Guardian. "Ho amici nella torre e non ci stanno dicendo nulla" ha detto Salwa Buamani, 25 anni, con la nipotina di tre anni sulle spalle. L'incendio, divampato in mezzo a mezzanotte e mezza (ora locale), ha subito preoccupato Shekeb, che ha subito pensato a metter in salvo la madre Flora, affetta da una malattia muscolare. A darne conferma è l'avvocato della famiglia Trevisan, Maria Cristina Sandrin, contattata dalla Farnesina.

Roma, 16 giu. (askanews) - Sono cinque le richieste presentate alle autorità municipale di Kensington, a Londra, dai dimostranti che oggi hanno fatto irruzione nella sede del comune per chiedere "risposte concrete" dopo l'incendio alla Grenfell Tower.

Non solo: lo stesso rivestimento copriva edifici teatro di incendi in Francia, negli Emirati arabi e in Australia e in tutti quei casi il rogo aveva finito per avvolgere tutta la struttura, ha rivelato "Newsnight", un programma della Bbc. La ditta che ha curato la ristrutturazione del grattacielo del 1974, la Rydon, ha assicurato che i lavori rispettavano le normative anti-incendio.

La notte del rogo di Londra, Gloria e Marco si sono accorti di quanto stava accadendo e hanno chiamato i parenti: "Mamma, mi sono resa conto che sto morendo". LA PREMIER CONTESTATA DA MANIFESTANTI È stata contestata dai cittadini infuriati, che le urlavano "vergognati, codarda", la premier Theresa May mentre era in visita in un centro di accoglienza per i superstiti nella tragedia della Grenfell Tower a Londra. Fidanzati, entrambi di ventisette anni e architetti: due giovani vite spezzate tra le fiamme. La regina Elisabetta II invece è andata a parlare con le vittime e con i familiari di chi non ce l'ha fatta, accompagnata dal principe William. La coppia si era trasferita nella capitale inglese da pochi mesi per lavoro e abitava al 21esimo piano del grattacielo andato a fuoco, probabilmente per un cortocircuito di un frigorifero.

Altre Notizie