Sabato, 21 Ottobre, 2017

Calciomercato Milan, Fassone: Donnarumma ha subito Raiola

Milan, la telefonata di Mirabelli a Donnarumma fa arrabbiare Raiola e il rinnovo sfuma Conferenza Raiola? Era soltato un bluff. L'agente di Donnarumma non parla ai media
Cacciopini Corbiniano | 19 Giugno, 2017, 19:23

Non è mai stata una questione economica, se due parti vogliono trovare una soluzione la soluzione si trova. L'ad rossonero - intervistato in esclusiva a Sky Sport - lancia un messaggio chiaro a Donnarumma e Raiola: "penso che la decisione finale sia stata presa da Gigio con Raiola, dentro di me resta la sensazione che lui possa cambiare idea e una speranza resta sempre aperta".

Per quanto riguarda la minaccia di far marcire in panchina il petalo più pregiato della rosa rossonera, sembra un'altra boutade: Donnarumma vale troppo - per club, agenti, calciatore ed eventuali acquirenti - per una simile eventualità. Se può restare comunque al Milan? Ogni volta che abbiamo parlato, ci ha sempre ripetuto di voler rimanere, fino a due giorni prima dell'ultimo incontro con Raiola, che ci ha invece sempre detto che non era disponibile a trattare con questi tempi. Non ci sono stati concessi la serenità e il tempo necessari da parte del Milan. "A meno che non avvengano passi indietro clamorosi con Donnarumma, questa settimana si chiude con il Milan". Tutti, quindi, fissi sul monitor in attesa di conoscere le parole del super agente italo-olandese. Ecco le sue parole: "Dichiarazioni di Raiola?". Non avevamo questo problema, anche perchè quando si arriva a qual punto, vuol dire che sei al 90% del contratto. "Gianluigi oggi avrebbe più difficoltà ad accettare la Juve però oggi è difficile dire che andrà alla Juve anche per il rispetto per il Milan preferirebbe l'estero, ma io da Raiola non lo escludo". Almeno era assicurato l'aspetto patrimoniale, nessuno voleva rubarsi il giocatore.

Anche Adriano Galliani ha provato a mediare per arrivare al rinnovo, ma non c'è stato niente da fare: "Galliani è un amico". Non abbiamo alcun accordo con nessuna società. Raiola lo ha fatto per la prima volta, Mirabelli è un manager di alto livello e io sono totalmente vicino a lui, questo tentativo di Raiola di creare un doppio Milan lo respingo al mittente, noi andiamo avanti insieme e siamo uniti. Se Mirabelli dovesse fare retromarcia e usare altri toni?

La storia del tempo, della fretta: "Fin dal primo giorno dopo il nostro insediamento abbiamo iniziato a parlare sia con lui, sia con Raiola". Lo apprendo da Raiola, ero rimasto a delle critiche, forti e feroci verso l'atteggiamento di R e la decisione di D, ma è normale che un tifoso si senta tradito, fino a qui ci sta. Partono proprio da qui le considerazioni dell'ex dirigente di Napoli e Inter: "Mi pare abbastanza semplice: giocatore e agente hanno fatto una valutazione tecnica ed economica, ritenendo di rivolgersi in futuro a un club con pedigree più altolocato e maggiore disponibilità finanziaria".

Sul possibile approdo del portiere del Genoa è intervenuto pure Mario Donatelli, ds del Genoa, che a Radio CRC ha affermato: "Mattia Perin in uscita?"

Altre Notizie