Sabato, 21 Ottobre, 2017

Juventus, Marotta: "Donnarumma? La Juve ha il dovere di provarci"

Giuseppe Marotta Caso Donnarumma, Marotta annuncia: "Abbiamo il dovere di provarci! Neto? Nessuna offerta"
Deangelis Cassiopea | 19 Giugno, 2017, 17:19

Il caso Donnarumma è emblematico, secondo Marotta, di come sia cambiata oggi la figura del calciatore: 'Per le società è sempre più difficile gestire queste situazioni. La prima squadra, una volta, era un punto d'arrivo e l'unico condizionamento era emotivo, adesso cominciano subito a programmare la carriera, a fare scelte economiche e progettuali anche in contrapposizione con le scelte del club. In piccolo, stiamo vivendo una vicenda analoga con Kean, tuttavia siamo vicini a un accordo. Occorre cambiare le norme per tutelare gli investimenti a livello giovanile: ci vuole una sorta di apprendistato vincolato. "Donnarumma è un talento, non ancora un campione, ma è giusto che la Juventus ci provi".

"Quando un giocatore è sul mercato, la Juventus ha il dovere di provarci". "Stiamo lavorando in questo senso, ma niente è fatto". Ma anche la Juventus stessa, tornando un po' indietro nel tempo, ha vissuto una situazione molto particolare.

Sul mercato - "Operazioni alla Higuain?".

"No, quella è stata una spesa straordinaria". In questo momento non siamo dietro a Donnarumma... "Fra valutazione e caratteristiche, l'investimento non ci interessa", ha concluso il dg della Juventus.

"Non possiamo escludere cessioni eccellenti, non per nostra volontà: ci sono società che possono dare ingaggi più alti". Cosa ha detto Alex Sandro dell'offerta?

"Un paio di qualità, a centrocampo e in attacco, più un profilo giovane".

"Grazie al Bayern abbiamo contattato i procuratori per la disponibilità del giocatore". I dati sono obbligatori al fine di autorizzare la pubblicazione del commento e non saranno pubblicati insieme al commento salvo esplicita indicazione da parte dell'utente.

"N'Zonzi è uno dei tanti profli, lo monitoriamo, ma non abbiamo mai parlato col Siviglia". "Matuidi e Matic per ora non ci interessano, ma il mercato è dinamico". Dybala ha compiuto il salto.

"Sono certo che non ha pronunciato quelle parole perché sono fesserie". Mi sarei stupito del contrario. Quando ti trovi il contratto in scadenza è normale una certa effervescenza nei giocatori e nei loro rappresentanti. "Orsolini e Schick? Orsolini parte con noi, entro il 30 agosto decideremo, per Schick aspettiamo l'annuncio" ha concluso.

Sulla finale di Cardiff - "Il valore di una finale non è il valore-stagione".

"Ero lì. Smentisco nel modo più assoluto qualsiasi tensione tra i giocatori nell'intervallo". Direi Schick. Diciamo lui più al tri due.

D'altronde però il regolamento della FIFA ad oggi non pone limiti alle commissioni degli agenti, dato che il tetto del 3% dello stipendio lordo del giocatore o del pezzo del trasferimento è solo una raccomandazione. Se baratterei il settimo scudetto con la Champions?

Altre Notizie