Martedì, 10 Dicembre, 2019

Lega Pro playoff, Parma-Pordenone 6-5: tabellino e highlights. Diretta

Lega Pro playoff, Parma-Pordenone 6-5: tabellino e highlights. Diretta Lega Pro playoff, Parma-Pordenone 6-5: tabellino e highlights. Diretta
Cacciopini Corbiniano | 15 Giugno, 2017, 05:30

In caso di parità dopo i tempi regolamentari, verranno disputati i supplementari ed eventualmente i calci di rigore.

LECCE (di Pierpaolo Sergio) - Gli americani affermano che, qualunque cosa accada, lo spettacolo deve andare avanti. Seconda semifinale dei playoff di Lega Pro con la nuova formula 2017/2018.

Il modulo utilizzato dall'allenatore dei ramarri dovrebbe essere il 4-3-2-1, con Semenzato, Ingegneri, Marchi e De Agostini a comporre il quartetto difensivo, e il trio Buratto-Burrai-Suciu a formare la diga di centrocampo. Dopo quelli del centrocampista Gianni Munari e dell'esterno offensivo Manuel Nocciolini, un altro recupero importante per il Parma che ovviamente si affida all'esperto difensore in questa fase decisiva della stagione.

D'altronde Firenze si sa, èpatria del Calcio storico e sede della nazionale, Coverciano sede del Centro Tecnico Sportivo Federale, la FIGIC, Firenze è sempre più capitale del calcio moderno. In particolare quello di Scozzarella, che si è fatto male alla caviglia prima e bloccato con la schiena al momento del rientro in campo. Rete di Scaglia per il 2-1 giallo-blù.

Non va meglio a Reggio Calabria dove con un comunicato la famiglia Praticò alla guida della Reggina Calcio, denuncia le difficoltà economiche nella gestione.

Prima del mini-intervallo esce una sventola di Corapi e all'inizio del secondo tempo Frattali blocca una sventola di Buratto dal limite.

Al 33' punizione per il Pordenone dai 25 metri, batte Burrai e la palla incoccia sul braccio proteso di Baraye, che peraltro si trova in area: per l'arbitro tutto regolare. Fatale l'errore di De Agostini. Un "passaggio" costruito in panchina da Roberto d'Aversa, ex metronomo dei Lupi, ai tempi della cadetteria (era la stagione 1999-2000, ndr), protetto da "spiderman" Pierluigi Frattali in porta, ex custode della porta rossoblù alcune stagioni fa e messo in cassaforte da Lucarelli, Alessandro, fratello di Cristiano che in riva al Crati ha lasciato il segno come bomber, come "compagno" e come ultrà.

Altre Notizie