Giovedi, 18 Luglio, 2019

B.Berlusconi,dedicata a Fondazione Milan

Gianluigi Donnarumma Italy Under-21 Getty Images
Cacciopini Corbiniano | 13 Giugno, 2017, 19:35

"Il nuovo Milan ha bisogno di una bandiera - dice la figlia di Silvio Berlusconi - un giocatore simbolo per i tifosi".

Il primo obbiettivo per l'anno prossimo rimane il grande ritorno in Champions, e Barbara lo sa bene: "Sono positiva, mi auguro che il Milan, attraverso questa nuova gestione, possa ritrovare la Champions, il palcoscenico naturale per un club come questo, sia per le vittorie, perché da tifosi vogliamo vincere, che e per un motivo economico riguardante la crescita dei fatturati". Ha lasciato la sua carica di amministratore delegato con delega alle attività commerciali, rimanendo però presidente di Fondazione Milan. Barbara Berlusconi, presidente di Fondazione Milan, parla a ruota libera del mondo rossonero. Così Barbara Berlusconi, presidente della onlus del club rossonero, che ha fatto da madrina al centro sportivo Cimiano all'evento 'Sport for All' e per inaugurare la nuova edizione degli Special Soccer Camp, due iniziative di inclusione che permettono ai ragazzi con disabilità di fare sport con coetanei a sviluppo tipico. Stanno facendo un mercato interessante. "Ho visto Fassone e Mirabelli che si sono mossi molto bene, andando a vedere i giocatori in tutta Europa. So che è una trattativa molto delicata, ma da tifosa mi auguro che possa rimanere con noi".

"Mio padre è addolorato di avere venduto il Milan, fa parte del suo cuore, ma è convinto di avere preso la decisione giusta".

Considerazioni anche su Paolo Maldini e il suo rifiuto di tornare nel Milan come dirigente, dopo aver respinto l'offerta avanzata da Marco Fassone ancora a ottobre 2016: "Non posso giudicare l'operato di Maldini perché non sono nella sua mente". Dove può arrivare questa squadra? E' una bellissima opportunità. "Avrà avuto le sue motivazioni per non accettare la proposta che gli è arrivata".

Altre Notizie