Venerdì, 15 Novembre, 2019

Calenda conferma: Ilva è di Am Investco

Alessandro Garofalo  Reuters Alessandro Garofalo Reuters
Esposti Saturniano | 06 Giugno, 2017, 11:10

Bene hanno fatto i vertici di Fiom, Fim e Uilm a chiedere un incontro urgente con il presidente Gentiloni e il ministro Calenda subito dopo la presentazione della nuova offerta della Jindal SWJ e della Delfin per l'acquisto del gruppo Ilva, e prima che questo sia formalmente aggiudicato, come si afferma in ambienti ministeriali, nella giornata del 5 o del 6 giugno alla cordata Am Investco Italy.

Agenpress - Il Ministero dello Sviluppo, h dato il via al decreto che sancisce l'aggiudicazione degli asset dell'Ilva in amministrazione straordinaria. Il decreto del ministro indica le priorità sulle quali trattare con Am Investco - partecipata all'85% da ArcelorMittal e al 15% da Marcegaglia Carbon Steel - tra le quali c'è un "miglioramento dell'offerta sotto il profilo della tutela occupazionale", prevedendo "almeno 10.000 unità per l'intero periodo di riferimento del piano industriale tenendo conto che l'accordo sindacale potrà ulteriormente precisare e incrementare tale obbligo".

Oltre all'impegno sottoscritto da Arcelor Mittal per individuare soluzioni tecnologiche più sostenibili ed efficienti e con il minor impatto ambientale. In particolare la questione la Commissione Ue ha già sottolineato con la lettera del 24 aprile, che l'offerta ArcelorMittal è al momento non praticabile perchè richiederebbe importanti "rimedi" l'offerta in considerazione della posizione dominante detenuta dal gruppo franco-lussemburghese in Europa su numerosi mercati.

Con riferimento ai livelli occupazionali il piano Am Investco Italy prevede un organico pari a 9.407 occupati nel 2018, destinati a ridursi nell'arco del Piano a 8.480 occupati costanti.

Il gruppo indiano Jindal e il patron di Luxottica, Leonardo Del vecchio, non mollano sull'Ilva di Taranto e rilanciano a tutto campo offrendo 1.85 miliardi di euro e l'immediata assunzione di 9.800 dipendenti, dei quali 2.000 da destinare alla realizzazione degli investimenti industriali e ambientali. L'offerta di Am Investco Italy prevede un'oferta economica di 1,8 miliardi di euro e un canone di affitto annuo di 180 milioni di euro.

Il Mise spiega che "una simile prospettiva risulta oggi incompatibile con i tempi imposti dalla vigente legislazione per l'attuazione del piano ambientale con la contestuale prosecuzione dell'attività produttiva di ilva e richiederebbe pertanto un nuovo intervento normativo". "Nessun lavoratore sarà dunque, in ogni caso, licenziato e/o lasciato privo di protezione".

Altre Notizie