Venerdì, 15 Novembre, 2019

Finale Champions League, conferenza Zidane: "Bale o Isco? Ecco cosa dico"

Real- Zidane e una rosa al completo Isco e l'ombra di Bale Zidane: "Juventus-Real, non ci sono favorite"
Cacciopini Corbiniano | 03 Giugno, 2017, 11:40

Sappiamo che è un'altra finale in piu è una gara secca e può succedere di tutto. Non pensa a una sfida attacco contro difesa: "La finale cancella questo che hai fatto prima".

DANI ALVES -"Lui non c'era in quella finale, lui ha diritto di dire quello che vuole". Seconda finale di Champions consecutiva, una l'ha già vinta al primo tentativo. Siamo in un buon momento, compito nostro ora è disputare finale nel migliore dei modi. Siamo molto motivati e abbiamo una gran voglia di confermarci campioni anche per scrivere un'altra pagina di storia del Real Madrid e del calcio. "Non c'è troppa pressione, noi ci conviviamo da sempre. Questo è ciò che mi fa star male". "Non siamo noi i favoriti, ci siamo e cercheremo di fare il possible per vincere". Non cambieremo nulla: "la prepareremo come sempre, con tranquillità". "Spero di vedere una bella finale".

I giocatori sono tutti a disposizione? "Io ho il Dna del Real Madrid, qui mi sento a casa: quando sono arrivato mi sono sentito ben accolto, sarò sempre tifoso del Real". "Fa parte del mio lavoro".

Cristiano Ronaldo è un esempio, ha detto Buffon. "E' il suo principale contributo alla squadra". Cosa importa è cosa fa a livello professionale, vuole sempre di piu, non si accontenta mai. Sarà bello scegliere l'undici titolare: "E' una bella domanda, è più difficile per me che per loro".

Sulla Juventus: "Conosco bene il loro stile di gioco e la loro mentalità".

"Bale o Isco? Non lo dico, ma sono due giocatori che possono giocare insieme". Può succedere di tutto. "Non solo dal punto di vista mentale ma fisico". "Io quello a cui penso è la partita di domani". "Ma siamo tutti nella stessa barca, tutti vogliamo la stessa cosa". "La cosa importante è dare il massimo".

Sulla grande chance di Buffon di cancellare la sua personale maledizione: "L'importante è il titolo che hai dentro". Magari giochi benissimo tutta la gara poi prendi gol al 90'. La novità di quest'anno è che potranno sedersi in panchina con noi, ma non saranno disponibili. "Non è solo questo la Juve".

Altre Notizie