Venerdì, 15 Novembre, 2019

Blue Whale, quindicenne salvata "Metti la testa sui binari e aspetta"

Evangelisti Maggiorino | 31 Mag, 2017, 19:34

Si chiama Blue Whale e spinge gli adolescenti al suicidio. "E che il gioco lo avrebbe terminato suicidandosi sui binari del treno".

Nel primo episodio a dare l'allarme è stato uno dei gestori di telefonia mobile dopo che, un Sms, scritto da un'adolescente ad un numero fatto a caso, annunciava il superamento di tutti i livelli del gioco, indicando così un possibile epilogo fatale. L'ordine del tutor era di appoggiare la testa sui binari e attendere l'arrivo del treno ascoltando una musica da funerale. Per questo motivo, Paolo Calicchio, assessore alla scuola del Comune di Fiumicino, ha dichiarato di voler mettere in piedi una macchina di ascolto e supporto per salvare i giovani da questa pericolosissima pratica che conduce alla morte.

"Mentre aspettavo che la polizia arrivasse a sequestrare il telefonino e il computer di mia figlia, senza essere vista ho preso il suo cellulare per accertarmi che quanto mi avevano appena raccontato fosse vero". Insieme a lei anche quattro sue amiche facevano lo stesso gioco e avevano già superato il ventesimo giorno di sfida. Personalmente ricordo la mia adolescenza come un' infinitá di doveri: mi allenavo tutti i giorni, andavo a rastrellare il fieno con i nonni, studiavo alle 5 della mattina prima di prendere il pullman, cucinavo quando mia madre non c' era, chiedevo un paio di scarpe nuove che non sempre arrivavano. Lei è sicuramente fragile ed è quindi stata adescata in maniera più violenta - conclude la mamma -.

Nel post la polizia italiana spiega anche in cosa consiste il Blue Whale partendo dalla genesi del nome: "Parliamo di Blue Whale che tradotto letteralmente è balena blu che idealmente si rifà al comportamento tipico delle balenottere azzurre che, ad un certo punto della loro vita, senza apparente motivo, si spiaggiano e muoiono".

Altre Notizie