Mercoledì, 14 Novembre, 2018

G7: Nuovo Vertice a Taormina, Terrorismo e Clima gli Argomenti

G7: Nuovo Vertice a Taormina, Terrorismo e Clima gli Argomenti G7: Nuovo Vertice a Taormina, Terrorismo e Clima gli Argomenti
Machelli Zaccheo | 27 Mag, 2017, 15:24

Un summit G7 nato con le peggiori premesse ottiene un primo importante risultato: l'impegno dei Sette Grandi a continuare con maggiore determinazione nella lotta al terrorismo, premendo sui colossi di internet perché evitino la diffusione in rete di materiale di propaganda jihadista. Vediamo nel dettaglio com'è andata.

Diversa la situazione sul problema clima. E purtroppo non esiste nessun leader che abbia caratura e carisma tali da poter prendere in mano e guidare una situazione delicata verso una soluzione dei gravi problemi che abbiamo sottolineato. Un'ipotesi che viene smentita da fonti italiane.

Sul commercio, la distanza tra il presidente dell'"America First" e i partner e' stata ammessa implicitamente dallo stesso consigliere economico di Trump, Gary Cohn, che lo ha definito "un grande tema" precisando che il presidente si riferiva 'solo' all'intollerabile disavanzo commerciale con la Germania quando a Bruxelles ha definito i tedeschi "molto cattivi".

G7: Nuovo Vertice a Taormina, Terrorismo e Clima gli Argomenti

Per quanto riguarda gli accordi sul clima, che Trump ha più volte dichiarato di ritenerli pericolosi per l'economia statunitense, gli Usa sono orientati a trovare un accordo che possa soddisfare entrambe le posizioni: "Trump vuole fare la cosa giusta ma si preoccupa anche di creare posti di lavoro negli Usa e vuole ascoltare quello che i partner europei e gli altri partecipanti del G7 hanno da dire sul dossier clima".

Ad aprire i lavori odierni, è stato il Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, dando il benvenuto alle delegazioni africane invitate ai lavori: "Già Taormina e la Sicilia dicono quanto è importante per noi il rapporto con l'Africa, ci troviamo nel cuore del Mediterraneo e oggi la discussione con l'Africa si concentra sull'esigenza di partnership a tutto campo tra G7, organismi internazionali e paesi africani con l'obiettivo d'innovazione e sviluppo del capitale umano". Prima di inmiziare qualsiasi discussione tradizionale foto di famiglia dei leader sullo sfondo del teatro Greco. Nel testo i leader si impegnano ad alzare il livello della battaglia comune: in particolare sul web, dove corre l'estremismo, ma anche nella lotta ai foreign fighters, nella condivisione di dati e informazioni e nel taglio dei fondi e delle risorse, "linfa vitale" anche per chi cerca di radicalizzare i giovani che "minacciano i nostri interessi nazionali", scrivono i Grandi. Nella bozza di documento finale si riaffermano "i diritti umani dei migranti e rifugiati" ma anche "i diritti sovrani degli Stati di controllare i loro confini e fissare chiari limiti ai livelli netti di immigrazione".

Il presidente della Cei, il caridnal Gualtiero Bassetti, ha parlato a poche ore dall'inizo del vertice del G7 rivolgendosi direttamente ai leader riunitisi a Taormina: "Ai grandi della Terra dico: 'prego intensamente per voi, pensate ai piccoli'". Il flashmob di Oxfam sul clima Donald Trump, Paolo Gentiloni, Theresa May, Angela Merkel, Emmanuel Macron, Justin Trudeau e Shinzo Abe attendono con i loro bagagli in spalla di compiere un viaggio. Quindi il via ai lavori sotto la presidenza italiana entrando subito nel merito dei principali temi sul tavolo, dal terrorismo al clima, dal commercio alla sicurezza. Responsabilità condivisa e coinvolgimento dei Paesi di origine per un approccio globale alla questione: sembra essere questo il punto di incontro raggiunto al G7 in corso a Taormina.

Altre Notizie