Giovedi, 06 Agosto, 2020

Padoan: non è una buona idea reitrodurre l'Imu sulla prima casa

Prima casa torna l'IMU per i redditi più alti? Ce lo chiede l'Europa 22 maggio 2017
Esposti Saturniano | 23 Mag, 2017, 17:08

Come ripetono da mesi, in particolare il consigliere regionale Marco Tedde, la Regione avrebbe già potuto fare un nuovo bando ed erogare dei finanziamenti anche ai vettori a basso costo, fatto sta che, restando alle prime anticipazioni delle modifiche al regolamento sulla concorrenza, come commentato anche dall'assessore Deiana e dai vertici europei, potrebbe essere possibile anche sostenere il traffico, ma per adesso sembra intendersi come sostegno agli interventi strutturali. Un percorso in cui è cruciale la scelta sulla velocità dell'aggiustamento di bilancio: se troppo veloce rischia di strozzare la crescita, se troppo lento non mette in sicurezza i conti pubblici. Si rischierebbe di ricordare uno dei punti programmatici della Leopolda 2011: "Quel che serve è una rivoluzione copernicana del sistema fiscale che riduca la pressione sul reddito personale e sulle imprese e la accresca sugli immobili e sulle rendite finanziarie". Oltre alla tassa sulla prima casa per i più ricchi è stata richiesta una riforma del catasto e l'estensione dell'obbligo di fatturazione elettronica, oltre che alla riduzione della spesa pubblica. "A politiche invariate c'è il rischio di una significativa deviazione dal requisito nel 2018". Lo sguardo corre in particolare alle sofferenze bancarie che continuano a pesare sui bilanci di alcuni istituti di credito e sull'economia in generale. Il Presidente di Confedilizia, Giorgio Spaziani Testa, afferma lapidario: l "a Commissione europea - in occasione della diffusione delle sue 'raccomandazioni' all'Italia - è tornata a criticare la scelta del Governo Renzi di eliminare la tassa sulla prima casa, suggerendo di reintrodurla per le famiglie con redditi elevati". La misura "forse è specifica ma non nuova", ha detto il commissario europeo agli Affari economici, Pierre Moscovici.

Niente procedura di infrazione a carico dell'Italia, né per il bilancio 2017, né per quanto riguarda gli squilibri macroeconomici eccessivi. La raccomandazione poi "è in linea con la nostra raccomandazione tipica di spostare peso delle tasse dal lavoro verso altre poste", ha aggiunto il vicepresidente della Commissione Valdis Dombrovskis.

La reintroduzione dell'Imu, suggerita dalla Commissione europea nelle sue raccomandazioni all'Italia, "è una delle tante proposte, le riforme fiscali vanno viste nel loro insieme".

Intanto, l'Istat ha diffuso oggi le stime "Prospettive per l'economia italiana nel 2017", che farebbero prevedere buone possibilità per l'economia italiana.

Ue, al momento approva le manovre adottate dall'Italia con riferimento ai conti dell'anno passato.

"Per noi è molto importante la politica di Energy Union, cioè l'idea che davanti alla necessità di approvvigionarci di energia in maniera diversa, considerando che oggi l'approvvigionamento arriva quasi interamente in Europa dalla Russia, l'Italia possa giocare un ruolo strategico".

Altre Notizie