Domenica, 25 Giugno, 2017

Terrorismo, un fermo e espulsione a Bari

ANSA                       Digoa ANSA Digoa
Machelli Zaccheo | 19 Mag, 2017, 16:40

Entrambi erano considerati dagli investigatori "lupi solitari" ispirati all'ideologia estremista dell'Isis.

Un'operazione della Dda di Bari ha coinvolto portato a un fermo e un espulsione di due presunti terroristi.

Il più grande dei due, il 34enne Kamel Sadroui, è stato fermato per apologia di terrorismo e detenzione di armi, mentre all'altro, che è stato trovato a Padova, è stato inviato un decreto di espulsione. Rintracciato l'8 maggio scorso dalla Digos di Padova, S.B. è stato espulso cinque giorni dopo, perché pericoloso per la sicurezza, in esecuzione di provvedimento emesso dal Prefetto di Padova.

I due erano sotto controllo da tempo con intercettazioni ambientali, telefoniche ed elettroniche: in una di queste intercettazioni si sente il rumore tipico dello "scarrellamento" di un'arma a disposizione dell'arrestato, arma che però non e' stata ritrovata: "la pistola che ho è sempre carica". Entrambi avrebbero inneggiato all'Isis.

Islamico, un cittadino tunisino residente a Carapelle, nel foggiano, è stato colpito da un'ordinanza di custodia cautelare in carcere, a conclusione delle indagini coordinate dalla Direzione distrettuale antimafia della Procura di Bari, eseguita da uomini dei Nocs, i reparti speciali della Polizia, in collaborazione con la Digos di Bari. Si ritiene siano cani sciolti, cioè non affiliati all'organizzazione terroristica, ma proprio per questo pericolosi.

Altre Notizie