Domenica, 16 Dicembre, 2018

Trapani: in manette per corruzione l'ex sindaco Girolamo Fazio

Trapani arrestati per corruzione il Trapani, arrestati per corruzione il "re degli aliscafi" Morace e il deputato all'Ars Fazio
Evangelisti Maggiorino | 19 Mag, 2017, 14:55

Palermo, 19 mag. (AdnKronos) - Nell'inchiesta che ha portato all'arresto del noto armatore Ettore Morace e del deputato regionale e candidato a sindaco di Trapani, Girolamo Fazio, sono coinvolti anche politici nazionali e regionali.

All'alba i carabinieri di Palermo e Trapani hanno dato esecuzione ad un provvedimento cautelare emesso dal GIP del Tribunale di Palermo, su richiesta della locale Procura della Repubblica.

Fazio, ex esponente di Forza Italia oggi nel Gruppo Misto, è stato primo cittadino di Trapani dal 2001 al 2012.

Domiciliari, infine, anche per Giuseppe Montalto, funzionario della Regione e segretario particolare dell'assessore alle infrastrutture, Giovanni Pistorio. La moglie del padre dell'armatore Ettore Morace, Annemarie Collart, è uno degli assessori designati dal candidato sindaco Girolamo 'Mimmo' Fazio. Si era ricandidato lo scorso mese con il sostegno di alcune liste civiche (Lista Fazio, Uniti per il Futuro, Progetto per Trapani, Trapani Tua, Io ci sono). E' stato arrestato anche Ettore Morace, figlio del patron del Trapani calcio Vittorio, entrambi proprietari della compagnia di traghetti Liberty lines. Scoppia la polemica e il candidato sindaco si difende ricordando di essere stato lui a spingere Morace senior a rilevare il club negli anni in cui rischiava il fallimento: "E' meschino immaginare che il mio stare al fianco del presidente Morace sia legato alla campagna elettorale", le parole con cui Fazio chiuse il caso.

La famiglia di Morace è da sempre vicina a quella del candidato sindaco di Trapani. Ha subito due gradi di giudizio per concorso esterno in associazione mafiosa, il gup prima e la Corte di Appello dopo hanno sentenziato in modo identico, la prescrizione per i fatti risalenti sino al 1994 e lo hanno assolto per insufficienza di prove per il periodo successivo.

Del gruppo Liberty fa parte la famiglia degli armatori Franza di Messina. Questa sorta di monopolio, spinse Davide Mattiello, componente della Commissione parlamentare antimafia, a presentare un'interrogazione al governo rimasta ancora senza risposta. Ad aprile il gup di Trapani ha rinviato a giudizio il patron dell'Ustica Lines, Morace senior, derubricando l'accusa contestata dalla Procura di interruzione di pubblico servizio, da aggravata a semplice. L'indagine è coordinata dalla Procura di Palermo.

Altre Notizie