Martedì, 15 Ottobre, 2019

Auto: -6,8% vendite Europa, pesa Pasqua

Fca: vendite in Europa -0,5% ad aprile, quota di mercato sale al 7,3% Auto, immatricolazioni Europa giù in aprile. Le vendite di FCA tengono meglio
Esposti Saturniano | 16 Mag, 2017, 16:07

Guardando al mercato Europeo +Efta ad aprile il calo delle vendite è stato del 6,8% mentre nei primi 4 mesi del 2017 l'aumento è stato del 4,5% a 487.695 unità immatricolate.

Particolarmente in calo il mercato nel Regno Unito (-19,8%), seguito dai segni in negativo anche di Germania (-8%) e Francia (-6%).

Per Fiat Chrysler Automobiles tuttavia è stato un mese migliore rispetto al mercato. Da gennaio ad aprile le vendite sono cresciute in Italia (+8%), Spagna (+6,1), Germania (+2,5%), Francia (+2%) e Gran Bretagna (+1,1%).

Il mercato del Regno Unito, dopo aver toccato un massimo assoluto nel 2016, nel primo trimestre del 2017 era ancora in crescita del 6,2%. Lo sottolinea Fca in un comunicato nel quale spiega che "la Stelvio ha già conquistato nel Paese la corona di vettura più venduta della sua categoria (con una quota dell'11,8%) e le sue immatricolazioni sono in costante crescita in tutta Europa". Oltre alle crescite in Francia (+3,9%) e in Spagna (+8%) Fiat ha ottenuto un ottimo risultato in Germania, dove le vendite sono aumentate del 24,5%. L'exploit di immatricolazioni del brand è merito naturalmente di Giulia e Stelvio. Crescono anche la 500L, la più venduta del suo segmento con il 28,5% di quota - e registrano risultati positivi la 500X e la Jeep Renegade, stabilmente nelle posizioni di vertice del loro segmento. Nel primo quadrimestre dell'anno sono state quasi 27.500 le Lancia registrate, in crescita dell'1,8 per cento, con una quota allo 0,5 per cento. Tra i primi dieci produttori di auto in Europa, l'unica che ha visto crescere i propri numeri è Toyota mentre la quota di mercato Renault è salita dal 10,1% al 10,6%, nonostante il calo delle immatricolazioni del 2,9%. In aprile Alfa Romeo è stata protagonista di un vero e proprio exploit, con le vendite (quasi 7.400) in aumento del 52,2%. La quota è aumentata di 0,2 punti percentuali attestandosi allo 0,6 per cento. Altrettanto positivi i risultati nel progressivo annuo: poco meno di 28.900 immatricolazioni (il 38,7% in più in confronto con lo stesso periodo del 2016) e quota allo 0,5%, +0,1%. La prima sta continuando a scalare la classifica di vendita del suo segmento: in Italia è già stabilmente tra le vetture più vendute del segmento D con una quota del 12,4%.

Altre Notizie