Mercoledì, 11 Dicembre, 2019

Francia, il primo giorno da presidente eletto di Macron

Francia, il primo giorno da presidente eletto di Macron Francia, il primo giorno da presidente eletto di Macron
Evangelisti Maggiorino | 15 Mag, 2017, 16:45

Nelle precedenti legislature l'Assemblea solitamente rispecchiava la stessa maggioranza presidenziale, a parte alcune eccezioni che hanno dato vita a periodi di cosiddetta coabitazione (sia con presidenti socialisti e premier neogollisti che al contrario). La convinta adesione all'Europa, ancorché da modificare e migliorare per essere più vicina ai bisogni dei cittadini, la lotta al terorismo, a livello nazionale e internazionale, sono stati due argomenti che hanno convinto i francesi, peraltro con ancora nelle orecchie i toni estremamente aggressivi e offensivi usati dalla Le Pen nell'ultimo confronto televisivo. Ieri, poco dopo la chiusura delle urne, con la notizia del trionfo di Macron, la cancelliera tedesca Angela Merkel era stata la prima a congratularsi con il nuovo presidente, al quale aveva telefonato, sottolineando come la sua elezione sia "una vittoria per l'amicizia franco-tedesca". Sulle note dell'Inno alla Gioia, il Presidente neoeletto ha promesso di proteggere il suo popolo e l'unità dell'Europa. Ed è a voi che mi rivolgo. Poi tutta la famiglia allargata: i tre figli di Brigitte, i sette nipoti, gli amici. Le rispetto. E in questo momento voglio rivolgere il mio saluto repubblicano al mio avversario, la signora Le Pen. Ha quindi osservato che "I francesi hanno scelto la continuità", ma comunque "Per noi è un risultato storico" che "pone il fronte patriottico come prima forza d'opposizione".

Non è un discorso fiume.

Entusiasmo alle stelle nel quartiere generale di En Marche.

Un grande respiro di sollievo per tutto il Vecchio Continente, Emmanuel Macron è l'ottavo presidente di Francia. Sventolano diverse bandiere e striscioni, da quella del sindacato Cgt, ai Sans Papiers, dal movimento Nuit Debout presente con un suo coro che intona Bella Ciao e Bandiera rossa, ai sostenitori di Jean-Luc Mélenchon che mettono Macron "sotto tutela" in vista delle legislative di giugno. Macron è giovane, seducente e soprattutto, per loro, rappresenta la speranza, il cambiamento, il ricominciare senza i 'soliti' partiti.

Se c'è chi sorride e festeggia, c'è chi è sceso in strada per protestare contro l'elezione di Emmanuel Macron alla presidenza della Francia.

Altre Notizie