Sabato, 14 Dicembre, 2019

Conti pubblici, Moscovici: Italia s'impegni su regole, Ue aperta

Moscovici Italia maglia nera crescita? Per questo avanti con riforme Conti pubblici, Moscovici: Italia s'impegni su regole, Ue aperta
Esposti Saturniano | 12 Mag, 2017, 13:59

Così il commissario europei agli affari economici Pierre Moscovici, rispondendo a una domanda sulla possibilità per l'Italia di usufruire della flessibilità anche per il 2018, al suo arrivo al Castello Normanno Svevo di Bari per il simposio internazionale a margine dei lavori del G7. "Dopo avere incluso queste misure - ha continuato Moscovici - le nostre previsioni prevedono un deficit nominale del 2,2% nel 2017 e 2,4% nel 2018 e un deterioramento del deficit strutturale dello 0,2%". "Ma l'Italia - ha rimarcato - si deve impegnare al rispetto" delle regole. Quanto al rispetto della "regola del debito", Moscovici si à limitato a dire che "la Commissione non fa commenti oggi, perché presenterà nei prossimi giorni le sue conclusioni sull'Italia, accanto a quelle relative agli altri paesi". Secondo le nuove previsioni economiche Ue è il Paese europeo che cresce meno di tutti.

"Non siamo in un momento di decisioni, stiamo discutendo. L'Italia porta avanti queste tematiche, senza inclusione sociale la crescita non si sostiene e deve andare avanti". "Il programma di stabilità indica un impatto della spesa pubblica per investimenti pari allo 0,2%, al di sotto dello 0,25% accordato all'Italia nel quadro della clausola di flessibilità" ha detto Moscovici, "questo scarto di 1,6 miliardi è dovuto alla caduta degli investimenti finanziati attraverso la Ue, circa 3,1 miliardi nel 2015 e 0,3 miliardi nel 2016 a causa del nuovo periodo di programmazione". Insomma, "sta agli italiani decidere quando" ci saranno le prossime elezioni politiche.

Altre Notizie