Sabato, 20 Luglio, 2019

Francia, Macron denuncia: "Le nostre mail rubate dagli hacker"

Francia. Macron fa partire una denuncia lancio di uova contro Le Pen Francia. Macron fa partire una denuncia, lancio di uova contro Le Pen
Evangelisti Maggiorino | 07 Mag, 2017, 16:01

Tra Emmanuel Macron e Marine Le Pen ne resterà soltanto uno, dopo il secondo turno delle presidenziali francesi (il ballottaggio è previsto il 7 maggio) che decreterà il nome del nono presidente della quinta repubblica. Il movimento En Marche afferma che i documenti provenienti dall'attacco hacker sono "tutti legali ed espressione del normale funzionamento di una campagna presidenziale". Dal comunicato di "En Marche!" si legge: "Non si tratta in effetti di una semplice operazione di pirateria informatica, ma di un tentativo di destabilizzare le elezioni presidenziali francesi". Le caselle di posta elettronica di alcuni responsabili di Macron sarebbero state piratate da alcune settimane con "mail, documenti contabili, contratti etc." pubblicati in rete. Queste sono state pubblicate "insieme a falsi documenti per seminare il dubbio e la disinformazione".

Prima di partire in auto per Reims, questa mattina, davanti al quartier generale di Parigi, la candidata del Front National ha risposto ai commentatori e ai sondaggi che dopo il 'flop' del dibattito in tv contro lo sfidante Emmanuel Macron (En Marche!) la danno ormai ampiamente sconfitta. Secondo il direttore degli studi degli studi politici dell'istituto Elabe, Yves-Marie Cann, l'aumento è dovuto principalmente alla crescente quota di elettori della sinistra radicale di Jean-Luc Melenchon che decidono di appoggiare Macron: "54% di coloro che hanno votato per Melenchon esprimono un'intenzione di voto a favore di Emmanuel Macron". Già oggi sono chiamati al voto, inoltre, gli 1,3 milioni di francesi che risiedono all'estero.

Non solo le operazioni di voto e di scrutinio ma anche gli eventi e le celebrazioni che seguiranno l'esito del voto sono sotto la massima sorveglianza.

Ciò che preoccupa maggiormente le autorità francesi sono i possibili festeggiamenti post-vittoria, soprattutto nella capitale.

La Francia sceglie il suo presidente tra Emmanuel Macron e Marine Le Pen, con un voto decisivo per il suo futuro e per quello dell'Europa. Protetta dal servizio d'ordine, è entrata all'interno della cattedrale dove si svolgevano le incoronazioni dei re di Francia. Ad attendere la Le Pen fuori c'è una folla di 200-300 giovani, tra cui un gruppo di militanti di gauche della "France Insoumise". Come mai è stato fatto proprio adesso? "I Macronleaks insegneranno cose deliberatamente uccise dal giornalismo investigativo?", ha chiesto con un tweet il vicepresidente del Front National, Florian Philippot.

I sondaggisti restano convinti che su Macron confluiranno la maggioranza dei voti andati al primo turno tanto al leader dei Républicains Francois Fillon (terzo con il 19,9%) quanto al candidato socialista Benoît Hamon (quinto con il 6,3%).

Altre Notizie