Mercoledì, 13 Novembre, 2019

Gessica Notaro: l'ex della miss sfregiata con l'acido tenta il suicidio

Sfregiata con l'acido l'ex della miss tenta il suicidio in carcere   
                       
                
         Oggi alle 08:59- ultimo Sfregiata con l'acido l'ex della miss tenta il suicidio in carcere Oggi alle 08:59- ultimo
Evangelisti Maggiorino | 04 Mag, 2017, 21:47

Si è annodato qualcosa al collo cercando poi di appendersi alle sbarre della sua cella nel carcere di Forlì. Tavares - che si dichiara innocente - ha rivisto la giovane per la prima volta il 27 aprile, in un'udienza del processo in cui deve rispondere di stalking e minacce nei confronti dell'ex, e secondo i suoi legali, Riccardo Luzi e Andrea Tura, è uscito dall'aula "molto prostrato".

Il 27 aprile 2017 Edson Tavares ha visto, per la prima volta, Gessica Notaro dopo la tragica notte in cui l'ha aggredita lanciandole sul volto l'acido che l'ha sfigurata.

L'ex fidanzato di Gessica Notaro, Edson Tavares, 37enne originario di Capo Verde, avrebbe tentato il suicidio in carcere. I fatti risalirebbero allo scorso lunedì, ma solo oggi la notizia è stata diffusa dai maggiori organi di stampa. In quell'occasione, Gessica aveva deciso di farsi vedere a viso scoperto affinché anche Edson Tavares potesse vedere "quello che mi ha fatto". Ha fatto credere agli altri di essere impassibile, ma io, che lo conosco bene, so che non è così" ha sottolineato la vittima dell'aggressione ribadendo di essere andata in aula giovedì affinché "lui mi vedesse perché deve assumersi le responsabilità di ciò che ha fatto. L'uomo rimarrà sicuramente in carcere fino alla seconda udienza del processo prevista per il prossimo 17 maggio.

"Martedì scorso ho parlato con i responsabili della struttura - ha riportato - che mi hanno informato di uno stato depressivo accentuato e di un malessere profondo, tant'è che hanno disposto la sorveglianza a vista".

Pochi giorni fa Gessica Notaro aveva pubblicato "il primo selfie dopo tanto tempo", inaugurando un nuovo profilo instagram per contrastare quelli falsi aperti a suo nome.

Altre Notizie