Lunedi, 19 Agosto, 2019

Diritti tv: Galliani, non sono indagato

Galliani intercettato attacca Agnelli 'È un signorino la Juve è arrogante' Galliani intercettato attacca Agnelli 'È un signorino la Juve è arrogante'
Cacciopini Corbiniano | 04 Mag, 2017, 08:32

L'ex amministratore delegato del Milan Adriano Galliani farebbe parte, insieme al presidente del Genoa Preziosi, di una vera e propria associazione a delinquere finalizzata alla spartizione dei diritti tv, a rivelarlo é la Procura di Milano, anche se al momento non è formalmente indagato. È scritto nella richiesta di arresto (respinta dal Gip). "Non risulterebbero derivare esclusivamente dalla rivalità sportiva, bensì dal perseguimento di interessi economici e dalla loro tutelà".

LE INTERCETTAZIONI: "JUVE ARROGANTE" Non hanno usato troppi giri di parole l'ex ad del Milan Adriano Galliani e l'ex manager di Infront Marco Bogarelli per descrivere il comportamento del presidente della Juventus Andrea Agnelli, che hanno bollato con epiteti poco cortesi. Dall' altra parte Galliani: "solo sarà bene che risponda qualcun altro perché io, voglio dire, io la botta gliela do, io voglio star concentrato, la botta sarà nella ripartizione dei diritti televisivi, lì gli darò la botta... adesso chiamo Enrico che dice sempre che bisogna parlare con Agnelli".

I tre, per i pm, avrebbero "costituito e gestito una associazione a delinquere per commettere diversi reati, dalla turbativa d'asta all'evasione fiscale per governare i processi di sfruttamento dei diritti tv con l'impossessamento di denaro di spettanza della Lega Calcio". 'Signorino', così viene definito nella chiacchierata con Bogarelli dall'ex ad milanista, Galliani, il presidente della Juventus Andrea Agnelli, come si evince da alcune intercettazioni collegate al filone d'inchiesta.

"AGNELLI UN SIGNORINO" - "Allora - dice l'ex ad del Milan intercettato al telefono con Bogarelli nel marzo 2015 - stasera Preziosi (il presidente del Genoa, ndr) va alla cosa della Gazzetta e attaccherà Agnelli". E ancora Galliani: "adesso faccio un po' di casino".

Per i pm è fondamentale, "il rapporto tra Bogarelli e Galliani" anche in qualità di vice presidente della Lega.

"Più avanti, sempre Galliani: "(?) Comunque adesso bisogna dargli addosso a questo signore". "(.) È impazzito, credo proprio sia fuori di testa".

IL COMMENTO - All'Ansa, Galliani ha così commentato il tutto: "Sono caduto dalle nuvole, quando ho visto la notizia ho sentito il mio avvocato, Niccolò Ghedini".

Il coinvolgimento di Galliani e Preziosi, che non sono indagati, emerge dalla richiesta di custodia cautelare in carcere avanzata dalla Procura di Milano, e poi respinta dal gip Manuela Accurso Tagano, nei confronti di Riccardo Silva, Marco Bogarelli e Giuseppe Ciocchetti, ex presidente ed ex direttore generale di Infront Italy, advisor della Lega Calcio, nell'ambito dell'inchiesta sulla procedura di assegnazione dei diritti tv. "Sì, sì", la risposta di Galliani, che poi, successivamente, aggiunge: "Continua a sputare merda sul calcio italiano e vive di quello".

Altre Notizie