Domenica, 16 Dicembre, 2018

Cellula neonazista smantellata a La Spezia

PER INGRANDIRE PER INGRANDIRE
Evangelisti Maggiorino | 29 Aprile, 2017, 18:10

I tre indagati sono obbligati, inoltre, a non allontanarsi dalle loro case nelle ore notturne.

Smantellata cellula neonazista a La Spezia, effettuava ronde contro gli immigrati. L'inchiesta è partita nel maggio 2016, dopo che la sede Pd di Ceparana (SP) era stata imbrattata con svastiche e simboli nazisti, vergati con vernice spray nera.

Progettavano ronde anti-immigrati, riempivano le città di svastiche e simboli nazisti e in alcuni casi avrebbero pure incendiato alcuni cassonetti per la raccolta degli indumenti della Caritas. Gli indagati sono accusati di associazione finalizzata all'incitamento alla discriminazione e alla violenza per motivi razziali, etnici e nazionali e a vario titolo di danneggiamento aggravato con incendio. Nelle corso delle perquisizioni di oggi è stato trovato del munizionamento detenuto illegalmente, una balestra, una pistola scacciacani priva del tappo rosso, nonché materiale documentale propagandistico di ispirazione neonazista e memorie informatiche ora al vaglio degli investigatori. I carabinieri hanno perquisito anche la roulette, scoprendo anche indicazioni relative alla fabbricazione di ordigni rudimentali.

Le indagini dell'operazione AURORA hanno consentito di individuare l'esistenza e l'attività di un gruppo, operante su un piano clandestino, denominato "AUTONOMI NS LA SPEZIA", composto da militanti della frangia più oltranzista dell'estrema destra riconducibili all'area naziskin, dedito ad attività di propaganda attraverso l'apposizione sulle pubbliche vie della provincia di simboli nazisti e l'imbrattamento attraverso di essi di targhe e iscrizioni commemorative della Resistenza e della lotta antifascista. La base logistica era una roulotte, parcheggiata in una zona boschiva di Follo.

Altre Notizie