Martedì, 15 Ottobre, 2019

Orgoglio terrone, i centri sociali napoletani parteciperanno alla manifestazione di Pontida

ANSA									+CLICCA PER INGRANDIRE ANSA +CLICCA PER INGRANDIRE
Deangelis Cassiopea | 22 Aprile, 2017, 18:41

Questa sorta di "marcia su Pontida" non è da intendersi come una provocazione, bensì i napoletani e tutti i meridionali che vi prenderanno parte approderanno in terra leghista al grido di "Veniamo in pace!", per celebrare la giornata dell'orgoglio antirazzista e migrante e per nussun altro motivo che possa dare adito a sterili polemiche. "Sono soddisfatto, stentavo a credere che non si desse l'autorizzazione per una manifestazione che ha come oggetto principale un concerto a cui parteciperanno musicisti e artisti, credo sia una scelta assolutamente doverosa". Non ci sarà il sindaco ma saranno presenti a Pontida i consiglieri comunali Pietro Rinaldi, Eleonora de Majo e Rosario Andreozzi. Così il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris. La gente è arrivata ordinatamente alprato dove si svolge la manifestazione, che è dallato opposto della città rispetto a quello dove si tiene lamanifestazione leghista, e dove oggi alcuni esponenti delCarroccio hanno voluto testimoniare la loro presenza, fra questil'ex ministro della Giustizia Roberto Castelli.

Un concertone stile Primo maggio per "abbattere il razzismo e la paura del diverso durante una giornata organizzata all'insegna della fratellanza e dell'accoglienza" sostengono gli organizzatori. "Hanno chiuso anche la discarica che è aperta solo tre giorni la settimana". "Se ci sono sindaci o cittadini preoccupati non sono matti loro, spero che vada tutto bene e che lascino tutto pulito e ordinato". Il concerto si terrà in un prato di proprietà di Rete ferroviaria italiana che inizialmente aveva negato il permesso a utilizzarlo, ma poi ha fatto retromarcia su richiesta della prefettura di Bergamo.

Altre Notizie