Mercoledì, 23 Ottobre, 2019

Juventus, Dybala: "Non voglio essere il nuovo Messi, ma batterlo"

Paulo Dybala attaccante della Juventus Paulo Dybala attaccante della Juventus
Cacciopini Corbiniano | 14 Aprile, 2017, 14:09

Non mi ha mai detto che sono il suo erede. Il Barcellona è una grande squadra ma i campioni li abbiamo anche noi. A dichiararlo, in una lunga intervista a El Mundo, è stato Gonzalo Higuain riferendosi alle partite di andata e ritorno contro il Barcellona valide per i quarti di finale della Champions League 2016-2017.

Dopo il calcio d'angolo, su azione di rimessa, la Juventus ha innescato l'azione in velocità: Manduzkic dalla fascia sinistra ha scodellato un pallone troppo invitate per l'indiavolato Dybala: sinistro al volo mezzo metro dentro l'area, altro pallone angolatissimo e portiere del Barcellona ancora battuto. Dovremo approfittarne, prenderli molto alti, partire in contropiede.

L'asso della Juventus Paulo Dybala, nonostante il periodo di rendimento non proprio positivo, lancia la sfida al connazionale argentino Lionel Messi in vista della super sfida di Champions League che vedrà gli uomini di mister Allegri impegnati contro il Barcellona: "Ammiro tantissimo e rispetto Messi - le parole dell'attaccante juventino ai microfoni del quotidiano spagnolo Marca - ma gioco per la Juve e voglio fare di tutto per vincere. Se invece li aspettiamo in difesa ci stanchiamo noi, non loro". "È dura stare lontano dalla porta perché segnare mi piace, ma amo anche condurre la squadra, farla girare, tenere la palla a terra". Lo steso discorso andrà fatto qualora arrivino due pareggi: a passare il turno sarà la squadra che avrà segnato più gol in trasferta, perciò la Juventus sarà in semifinale con uno 0-0 questa sera e un 1-1 (o 2-2 e così via) in Spagna. La motivazione? Luis Enrique non sa mettere in campo la formazione, tre giocatori in particolare non dovrebbero giocare le partite importanti.

Altre Notizie