Martedì, 15 Ottobre, 2019

Napoli-Juve 1-1, impresa a metà da parte della squadra di Sarri

Napoli Sarri Dichiarazioni di Allegri nel post gara di Napoli-Juventus 1-1: per i bianconeri un punto d'oro
Cacciopini Corbiniano | 05 Aprile, 2017, 01:27

I 50 mila del San Paolo hanno risposto con un'esemplare dimostrazione di civiltà e attaccamento alla loro squadra alle eccessive preoccupazioni della vigilia: parzialmente giustificate, peraltro, dall'assurda overdose di veleni che aveva invece mortificato l'ultimo incrocio tra le due avversarie, nell'atmosfera ad altissima tensione dello Juventus Stadium. Peraltro eravamo andati subito sotto, eppure abbiamo recuperato senza neppure concedergli niente. Lui è venuto poi ad abbracciarmi.

Prosegue Allegri: "Neto gioca sicuro, Alex Sandro dovrebbe rientrare ma devo vedere prima l'allenamento, poi ci sarà la partita di sabato, devo cercare di gestire le forze e guardare all'arco dell'intera stagione".

Sul mancato ingresso di Milik: " Sarebbe entrato ma abbiamo avuto due defezioni con Hamsik e Strinic, si stava già scaldando ma purtroppo non è potuto subentrare".

"I cambi? Stasera ho dovuto fare delle mosse forzate".

Certo, l'ironia per Higuain e i fogli con scritto 71, ma è stata comunque una contestazione pacifica. Avanti così. Mercoledì altra battaglia. Merito anche del fair play dei giocatori e dell'impeccabile prestazione dall'arbitro Orsato, che ha confermato per tutti i 90' di essere di un'altra categoria (per bravura e personalità), rispetto alla maggior parte dei suoi colleghi: gestendo la sfida senza alcun condizionamento. Gonzalo Higuain, dopo un mese a secco, è pronto a dare un altro dispiacere ai suoi ex tifosi, o almeno così dicono i bookmaker: sul tabellone Microgame è proprio il Pipita l'uomo gol con la quota più bassa. La Juve, anche di più. Il pari napoletano arriva però al 60' ed è figlio di uno di quegli uno-due Hamsik-Mertens con cui di solito la squadra di Sarri apre le difese, con lo slovacco che si ritrova davanti a Buffon e lo fulmina con un piatto all'incrocio. C'è tempo per una incursione di Mertens finita sul palo. Spesso prendiamo gol perchè stacchiamo la spina troppo presto. Dunque, se il presidente è contento resto, altrimenti mi dimetto. Il Napoli ha un modo di giocare simile al Barcellona, abbiamo iniziato un percorso per arrivare alla Champions.

Altre Notizie