Venerdì, 19 Luglio, 2019

Allegri, un gol a Napoli per la finale

[ 2 aprile 2017 ] Napoli-Juventus 1-1, Allegri: “Punto molto importante” Serie A Sarri, mai vista Juve così in difficoltà
Cacciopini Corbiniano | 05 Aprile, 2017, 00:39

Vista la sua assenza, Allegri in conferenza stampa non ha eslcuso di cambiare modulo, passando così alla difesa a tre. Tra due giorni si replica con la capolista nuovamente a Fuorigrotta per il ritorno della semifinale di Coppa Italia.

" Sono due partite diverse".

"E' una partita da dentro o fuori". Più si tiene la palla e meno si difende, noi dovremo fare questo. Rivedendo la partita, era chiaro. Il miglior risultato, in fondo, è questo. E in Europa, la Juventus è una squadra rispettata. Ovviamente poi sarà Sarri a scegliere chi schierare. "Gli altri no. Cerchiamo di pensare positivo". "Il 3-1 non è il 2-0". Giochiamo per fare gol. Il Napoli ha un modo di giocare simile al Barcellona.

"All'interno dello stadio c'è stata una bella atmosfera, c'è da fare i complimenti della Questura per come ha organizzato la trasferta". "Il Napoli è una squadra che gioca molto bene, è terza in classifica, giocarci contro è sempre difficile. E' stata poi ottimamente gestita da Orsato e quando la partita va cosi bene, bisognerebbe rimarcarlo". La prima sfida se l'è aggiudicata il tecnico del Napoli, mentre la seconda si è chiusa con un pareggio che ha scontentato quelli che si aspettavano il meglio del gioco del calcio nella sfida tra Napoli e Juventus.

L'allenatore della Juventus Max Allegri potrebbe limitare il turnover: le variazioni più probabili dovrebbero riguardare lo schieramento del portiere con Neto al posto di Gianluigi Buffon e Dybala e Cuadrado in campo. "Devo cercare di gestire le forze". Ci possono essere anche 7-8 cambi domani non lo so, come spesso capota comunque. A livello mentale e fisico ha fatto delle belle cose e sono soddisfatto anche se non ha segnato. Il gol del pari arriva lo stesso: al minuto 60′ splendido uno-due Hamsik-Mertens con il belga che verticalizza per il capitano che conclude e gonfia la rete, facendo esplodere il San Paolo. "Lo fischiavano per metterlo in difficoltà, sapevano che sarebbe stato un pericolo per il Napoli".

Altre Notizie