Giovedi, 18 Luglio, 2019

Patti per il Sud, Michele Emiliano accusa il governo. De Vincenti: "Mente"

ANSA									+CLICCA PER INGRANDIRE ANSA +CLICCA PER INGRANDIRE
Evangelisti Maggiorino | 29 Marzo, 2017, 23:47

Oggi il confronto fra governo e istituzioni regionalu, al termine del quale Emiliano ha seccamente dichiarato: patti per il sud, non c'è nemmeno un euro. "Nella realtà è la legge di bilancio che ha previsto questa posposizione e dunque quello che avevamo detto in passato, e cioè che i patti per il Sud erano solo purtroppo un'apparenza, è rimasto confermato dalla riunione con il premier e questo ovviamente mi preoccupa moltissimo".

Respinge le accuse al mittente il Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, che stamane replica così al Ministro dell'Ambiente Gian Luca Galletti che nell'ambito di un intervista rilasciata alla stampa nazionale l'ha criticato sottolineando che: "Un governatore dovrebbe stare in ogni caso dalla parte dello stato". Quando il Cipe delibera la spesa per le infrastrutture, delibera sul Fondo di sviluppo e coesione. Come evidenziato nella tabella 1 dedotta da una scheda del Servizio Studi della Camera dei Deputati, l'allocazione di quei 46,6 miliardi è la seguente: 3,4 miliardi nel 2017, 3,9 miliardi nel 2018, 4 miliardi nel 2019, 35,1 miliardi nel 2020 e anni seguenti.

"Tap si sta basando su autorizzazioni vecchie per gli espianti, autorizzazioni che riguardano un vecchio progetto del 2015, a febbraio di quest'anno Tap ne ha presentato uno nuovo che si sta ancora valutando. - ricorda - Basterebbe che Emiliano facesse ritirare le autorizzazioni fitosanitarie per evitare la mattanza di ulivi e persone, ma ad Emiliano interessa che Tap riceva i finanziamenti, che la popolazione, si faccia pure manganellare e malmenare". Dalla presentazione delle mozioni congressuali sono emerse tutte le sfumature della contrapposizione interna nel Partito democratico. E se nn la ottengono, cosa che potrebbe avvenire anche tra un anno, è inutile eradicare. L'esiguità delle risorse materialmente a disposizione delle amministrazioni pubbliche rende impossibile la pubblicazione delle gare in tempi utili ad evitare la revoca dei finanziamenti. Mi auguro che il Presidente del Consiglio intervenga al più presto per chiarire la situazione. "Io ho il dovere di preoccuparmi di come la mia regione e le altre amministrazioni meridionali potranno concretamente utilizzare fondi importantissimi per il futuro delle nostre comunità".

Altre Notizie