Venerdì, 14 Agosto, 2020

Zaia risponde a Berlusconi: basta manfrine su di me

Evangelisti Maggiorino | 27 Febbraio, 2017, 20:57

Una dichiarazione che suona come provocazione per il leader della lega Matteo Salvini che in qualità di segretario del primo partito del Centrodestra chiede per sè la candidatura della coalizione. L'ex premier è anche tornato sulla questione dell'euro, rilanciando la necessità di "una nuova moneta per riprenderci la sovranità monetaria", con questa ricetta: "Conservare l'euro per le importazioni e le esportazioni e, con una nuova moneta interna, provvedere a tutti i pagamenti dello Stato per aiutare chi è rimasto indietro. Ha commesso degli errori, soprattutto di arroganza e inaffidabilità, ma il resto del suo partito sta usando gli stessi metodi, ma senza il suo carisma".

Silvio Berlusconi sceglie il prossimo candidato premier dal mazzo di carte della Lega e lancia Luca Zaia, governatore del Veneto, e volto governista del Carroccio. In più con un po' di malizia ha creato imbarazzo tra le fila leghiste, bypassando la richiesta di Salvini volta a indicare il prossimo candidato premier con un programma sovranista e con il passaggio obbligato dalle primarie.

"Se non potrò tornare in campo - ha detto Berlusconi - il centrodestra dovrà trovare qualcuno al suo interno. Il Governatore del Veneto, Luca Zaia, si sta comportando molto bene". "Per me resta unamanfrina, per quanto riguarda la Lega abbiamo già un candidato, che è Matteo Salvini", ha aggiunto Zaia in una conferenza stampacon lo stesso Salvini e Roberto Maroni.

"Pur apprezzando la dimostrazione di stima, questa storia sta penalizzando i veneti" ha proseguito Zaia, che ha poi concluso dicendo "per me oggi la strategia è di portare il Veneto al referendum per l'autonomia".

Altre Notizie