Venerdì, 14 Agosto, 2020

E' morto stamattina in Svizzera Dj Fabo

Evangelisti Maggiorino | 27 Febbraio, 2017, 18:37

Lo ha scritto il 26 febbraio 2017 su Twitter Marco Cappato, tesoriere dell'associazione Luca Coscioni. Da allora mi sento in gabbia. Mina Welby, la moglie di Piergiorgio Welby, morto nel dicembre del 2006 dopo una grave e lunga malattia, commentando la notizia della morte di Dj Fabo: "Sono accanto a Valeria e la stringo forte". Se ne è andato in Svizzera, Paese in cui era arrivato ieri e in cui è legale il suicidio assistito. Come annunciato da Cappato poco fa, è stata rispettata la sua volontà, ma non in Italia. L'eutanasia comprende, tecnicamente, tutti gli interventi medici, attivi o passivi, volti ad interrompere la sofferenza di una persona malata terminale, previo suo inequivocabile consenso. In realtà non esiste una connessione diretta tra il caso tragico e le questioni che restano aperte nel dibattito sulla norma, visto che nessun articolo prevede esplicitamente l'autorizzazione del suicidio assistito. L'eutanasia, invece, viene giuridicamente considerata un intervento attivo, senza il quale il paziente, seppure in condizioni drammatiche, sopravviverebbe. Da anni chiede di morire ma in Italia non c'è una legge che garantisca l'eutanasia. Incardinato nelle commissioni congiunte Giustizia e Affari sociali della Camera, e' rimasto pero' fermo per mesi. Al momento, riferisce l'associazione, sono 241 (25% del totale) i parlamentari favorevoli a una legge sul fine vita: 180 deputati (29%) e 61 senatori (19%).

Dall'Associazione Coscioni intanto arrivano le critiche per una politica sempre più lontana dai diritti dei suoi cittadini: "Fabo è evaso dalla gabbia della sua lunga notte senza fine, ma per farlo è stato costretto all'esilio, ad abbandonare la propria casa, la propria patria, e subire un doloroso viaggio di ore verso un Paese straniero che riconosce diritti negati in Italia". L'esponente radicale ha accompagnato l'uomo in Svizzera ed ha dato notizia della sua morte.

Altre Notizie