Martedì, 25 Giugno, 2019

Rai, tetto stipendi degli artisti fissato a 240mila euro: ok del Cda

Rai Cda Da aprile tetto compensi esteso a risorse artistiche Rai, tetto stipendi degli artisti fissato a 240mila euro: ok del Cda
Deangelis Cassiopea | 25 Febbraio, 2017, 03:30

Ma quanti sarebbero gli artisti che si vedrebbero tagliare lo stipendio?

A sorpresa, non sta nascendo alcuna polemica a riguardo, anzi, i primi personaggio pubblici che hanno parlato pubblicamente si sono detti favorevoli, del resto parliamo di una legge statale che merita rispetto e attenzione.

Tanti gli artisti e i giornalisti raggiunti da questo provvedimento: da Fabio Fazio a Bruno Vespa, da Flavio Insinna a Carlo Conti, e poi Massimo Giletti, Antonella Clerici, Amadeus, Lucia Annunziata.

L'intenzione è quella "di proteggere l'azienda dalle pesanti ricadute che un'applicazione immediata del limite retributivo sulle collaborazioni artistiche avrebbe avuto sull'intero equilibrio aziendale, sulla sua redditività e capacità di operare sul mercato". Lo farà già dal prossimo mese di aprile, anche se, nel CDA riunitosi giovedì 23 febbraio 2017, si è ribadito (anche nero su bianco) che la decisione dell'Azienda arriva in assenza di un parere del Ministero di Economia e Finanze (nonostante quest'ultimo pare sia stato richiesto da Viale Mazzini).

"Gli amministratori hanno il dovere di rispettare la legge alla lettera - afferma il consigliere Franco Siddi -. Certo, tutto questo potrebbe tradursi in un serio danno per la Rai, è chiaro infatti che una misura secca rischia di fare del male al servizio pubblico". "E poichè il ministro Padoan ha dato molte prove di essere una persona di grande buon senso, sono fiducioso che si troverà presto una soluzione". La decisione del Cda della Rai è stata presa in merito alla legge 198 del 26 ottobre 2016. "Trovo anche giusto - prosegue - che il servizio pubblico offra un pagamento inferiore a quello che è il mercato". "Teniamo alta la guardia perché non finisce qui". Il budget - conclude la nota - non tiene ovviamente conto dell'estensione del tetto retributivo anche alle risorse artistiche, le proiezioni verranno pertanto rielaborate per analizzare i prevedibili impatti provocati dalla possibile ridotta attrattività dell'offerta editoriale di Rai.

Tetto agli stipendi Rai, ci sarà la grande fuga degli artisti? "Stop chiacchiere". Lo scrive su twitter il deputato del Partito democratico e segretario della commissione di Vigilanza Rai, Michele Anzaldi.

Soddisfatto anche Renato Brunetta (FI): "Basta privilegi con i soldi del canone degli italiani".

Altre Notizie