Mercoledì, 26 Giugno, 2019

Primarie Pd, si vota il 30 aprile

Primarie Pd, si vota il 30 aprile Primarie Pd, si vota il 30 aprile
Deangelis Cassiopea | 24 Febbraio, 2017, 20:47

Le riunioni dei circoli si svolgeranno dal 20 marzo al 2 aprile, mentre le convenzioni principali si terranno il 5 aprile e la convenzione nazionale il 9 aprile.

I renziani fermi fino a qualche ora prima sulla data del 9 aprile propongono come ipotesi di mediazione il 23 aprile come data per le primarie, ma davanti ai NO dei rappresentanti di Michele Emiliano e Andrea Orlando, che invece chiedevano il 7 maggio, danno come disponibilità il 30 aprile come ultima proposta. Non a caso nella Direzione che ha ratificato il regolamento è stato Francesco Boccia a protestare. I dubbi sul 23 aprile derivavano dal fatto che la data cade nel week end della Festa della Liberazione, con il rischio concreto di un mezzo flop ai gazebo democratici. Hanno votato sì in 104, 3 i voti contrari e 2 gli astenuti.

Le consultazioni della sinistra seguiranno le regole delle precedenti primarie ed il termine ultimo per l'iscrizione al Partito Democratico è fissato al 28 febbraio. "Primarie 30 aprile per cambiare l'Italia, parte congresso pd con Matteo Renzi". "E' un elemento di rasserenamento della situazione politica e del dibattito interno - ha sottolineato l'ex sindaco di Torino - Il Pd sostiene il governo in tutti i passaggi del suo mandato".

Per la proclamazione del nuovo segretario bisognerà attendere l'Assemblea nazionale del Partito che dovrebbe aver luogo il 7 maggio prossimo. Come ha spiegato Piero Fassino: "Questo calendario trancia la discussione, non c'è più tempo".

Altre Notizie