Mercoledì, 17 Luglio, 2019

55 arresti per assenteismo all'ospedale Loreto di Napoli

Evangelisti Maggiorino | 24 Febbraio, 2017, 11:23

Cinquantacinque persone arrestate e novantaquattro indagate. L'indagine dei Nas è durata due anni con ore e ore di filmati e intercettazioni e oltre 500 servizi di osservazione e pedinamento per dimostrare migliaia di episodi di assenteismo effettuati da 94 dipendenti dell'ospedale. Tutti, sono stati raggiunti da un'ordinanza di custodia cautelare, emessa dal GIP di Napoli, su richiesta della Procura della Repubblica e sottoposti agli arresti domiciliari questo venerdì mattina. Tra i 55 indagati finiti ai domiciliari ci sono un neurologo, un ginecologo, nove tecnici di radiologia, 18 infermieri professionali, sei impiegati amministrativi, nove tecnici manutentori e 11 operatori sociosanitari.

I carabinieri del gruppo Tutela Salute e del Nas di Napoli hanno piazzato nel nosocomio telecamere che hanno immortalato i comportamenti illeciti da cui sono conseguiti i provvedimenti restrittivi per truffa ai danni di Ente pubblico e falsa attestazione di presenza. Oltre alla cosiddetta "strisciata plurima" dei badge, per far risultare presenti dipendenti che invece erano assenti, le telecamere dei carabinieri hanno documentato l'assenza dei dipendenti dell'ufficio rilevazioni presenze e assenze, coloro cioè che erano incaricati di eseguire i controlli. Si è scoperto anche che uno dei responsabili dell'ufficio presenze-assenze della struttura, dunque chi avrebbe dovuto controllare che i dipendenti, si allontanava dalla struttura per andare a fare lo chef in una struttura alberghiera nel nolano.

Tra gli indagati, ripresi dai sistemi video investigativi, due operatori socio sanitari "che avevano la disponibilità di 20 badge da strisciare quotidianamente, a seconda dei turni di servizio dei colleghi da coprire, grazie anche a continui contatti telefonici, di regola sms".

Altre Notizie