Mercoledì, 28 Giugno, 2017

Sicilia, da Berlusconi via libera a Miccichè: ok alle primarie

ANSA									+CLICCA PER INGRANDIRE ANSA +CLICCA PER INGRANDIRE
Evangelisti Maggiorino | 17 Febbraio, 2017, 13:50

E allora lo stesso Gianfranco Micciché, coordinatore regionale di Forza Italia e uomo di fiducia dell'ex premier in Sicilia fa un passo indietro con una nota ufficiale. Da Silvio Berlusconi sarebbe anche arribvato il sì al sostegno del partito a Fabrizio Ferrandelli, l'ex deputato del Pd che sì è dimesso dall'Ars e che ora si candida alla carica di sindaco a Palermo.

L'imbeccata data ai giornalisti era abbastanza chiara e lasciava capire che Berlusconi avesse approvato tanto l'allenza con Fabrizio Ferrandeli a Palermo quanto la scelta di andare alle primarie.

Micciché, nel corso di un incontro a Roma mercoledì pomeriggio, aveva incassato anche il sì di Altero Matteoli, responsabile per gli enti locali degli azzurri. I centristi di Saverio Romano sono già più che convinti, anzi sono fra i principali sponsor dell'intesa.

Se il commissario siciliano di Forza Italia, Gianfranco Miccichè, ha avuto l'ok su Ferrandelli da Berlusconi, è stato invece stoppato sulle primarie del centrodestra per scegliere il candidato alla presidenza della Regione. "Faremo di tutto per trovare un candidato condiviso prima del 23 aprile", ha fatto sapere Miccichè precisando che "non c'è arte di Silvio Berlusconi sulle primarie in Sicilia". La strada che porta alla consultazione di coalizione, fissata già il 23 aprile, appare quindi ancora in salita.

Altre Notizie