Giovedi, 23 Novembre, 2017

Processo Fabrizio Corona: Belen tra i 200 testimoni

Processo Fabrizio Corona l'ex fidanzata Belen Rodriguez pronta a difenderlo Processo Fabrizio Corona: Belen tra i 200 testimoni
Deangelis Cassiopea | 17 Febbraio, 2017, 12:09

Nel pubblico la fidanzata di Corona, Silvia Provvedi, insieme alla sorella gemella.

Le sole difese dell'ex re dei paparazzi e della sua collaboratrice Francesca Persi, arrestata lo scorso ottobre assieme a Corona e con lui imputata, hanno chiamato a testimoniare ben 190 persone: tra loro anche l'ex fidanzata di Corona, la showgirl argentina Belen Rodriguez. Intanto, nel corso della prima udienza, sono stati vietati l'utilizzato di cellulari in aula visto che "non sono state autorizzate né riprese televisive né fotografiche durante il dibattimento".

Sono "tutte le persone che conoscono bene Fabrizio e che hanno lavorato con lui" ha spiegato la difesa, aggiungendo che il gran numero di testimoni è motivato dal fatto che ciascuno di essi "dovrà riferire su uno specifico episodio di dazione di denaro a Corona".

Non ha pace l'ex re dei paparazzi Fabrizio Corona che, dopo essere stato arrestato e poi messo in prova ai servizi sociali, è tornato dietro le sbarre a seguito del ritrovamento di 1,7 milioni di euro in un controsoffitto e di circa 800mila euro in un conto corrente in Austria. "La presenza della Dda - ha proseguito l'avvocato Chiesa - verteva sulla presunta presenza illecita del denaro" trovato a casa di Corona, soldi che per i difensori invece sono stati guadagnati dall'ex fotografo dei vip con la sua partecipazione a serate, inaugurazioni e ospitate". "Abbiamo anche nominato due consulenti: un perito numismatico e il dottor Perini, che è un noto fiscalista, che farà una ricostruzione in aula e dirà che le società hanno pagato 9 milioni di euro dal 2008 a oggi".

La difesa di Corona, tra l'altro, ha depositato documenti per dimostrare "un pagamento di tasse prima dell'inizio dell'udienza preliminare e un'autofattura della società Atena (riconducibile a Corona, ndr) su quei 834 mila euro trovati in cassette di sicurezza in Austria e su cui Atena ha versato l'Iva".

Quanto, invece, agli altri 1,7 milioni trovati nell'appartamento della collaboratrice Persi, "i nostri esperti - ha sottolineato in aula l'avvocato Sirotti - sono già al lavoro per regolarizzare quella somma con l'Agenzia delle Entrate". "Non sono, però, superflui", ha chiarito in aula l'avvocato Sirotti.

I giudici hanno fissato udienze per ascoltare i testimoni per il 9, il 16, il 21, il 23, il 28 e il 30 marzo e per il 6 aprile.

Altre Notizie