Martedì, 28 Marzo, 2017

De Laurentiis: "Mi piacerebbe avere Ibra al Napoli! L'ho conosciuto"

Esposti Saturniano | 17 Febbraio, 2017, 05:44

Polemiche alla quale Sarri replica: "Sono io tutti i giorni a Castel Volturno e sono io a decidere". Se avessi avuto bisogno di un attaccante da 90' avrei portato Pavoletti che tra i due è quello che ha migliore condizione. Non si sono sperimentate altre soluzioni in uno spogliatoio più ampio rispetto al passato. Si cerca troppo di difendere le proprie posizioni. "Sono fiducioso per la partita di ritorno al San Paolo...", ha scritto sul suo profilo Facebook l'ex campione argentino. Si pretende troppo da chi è stato scelto per svolgere un ruolo diverso.

"Gli allenatori? Mi sono trovato bene con tutti, perché hanno contribuito alla mia crescita". Non c'è sperimentazione, dovevamo arrivare alla partita contro il Real Madrid più pronti.

Bisognerebbe solo ringraziare Sarri per aver fatto sognare e, soprattutto, aver permesso di credere che, in fondo, quel miracolo non era poi così assurdo. "È chiaro che dobbiamo giocarci le poche possibilità che abbiamo di passare il turno - rileva Sarri - ma dovremo certamente sbagliare di meno". Tutta la squadra è stata assente, a parte Insigne al di là del gol: il ragazzo napoletano ha giocato con la napoletanità. Perché, è bene ricordarlo, il Napoli non è semplicemente una squadra di calcio per i napoletani, ma è molto di più. Al San Paolo sarà tutt'altra storia e sono convinto che i ragazzi giocheranno un grandissimo match. Sceglie di crederci fino in fondo, per trovare un gol che aiuti poi, e preferisce il 4-2-3-1 con Milik dentro per Hamsik. Che ne può sapere un imprenditore dell'amore e della passione per una squadra, che va oltre ogni immaginazione, al di là di qualsiasi sacrificio. Ci è andata di lusso, per come abbiamo giocato potevamo perdere 5-0.

Aurelio De Laurentiis è un fiume in piena e sembra aver nel mirino proprio il suo allenatore: "Non voglio entrare nel merito delle scelte e non mi permetto di dare consigli". Non è la prima volta in stagione che De Laurentiis punzecchia Sarri, già dopo il calo di ottobre-novembre, il presidente partenopeo aveva chiesto maggior utilizzo dei nuovi acquisti e qualche cambio tattico. Dichiarazioni forse figli del momento a caldo, della rabbia e delusione per un risultato comunque recuperabile, che ha visto la squadra certo non perfetta ma come pretenderlo al Bernabeu, da giocatori con così oca esperienza tranne rarissime eccezioni?

Altre Notizie