Lunedi, 17 Giugno, 2019

Inter-Empoli, Pioli: "Niente polemiche, noi abbiamo pensato solo al campo"

Cacciopini Corbiniano | 11 Febbraio, 2017, 05:10

Nonostante siano ormai passati cinque giorni dalla sfida Juventus-Inter il clima, in casa nerazzurra, non si è ancora raffreddato.

A 5 giorni dalle polemiche scatenate dal post Juve-Inter l'allenatore nerazzurro, Stefano Pioli, ha presentato in conferenza stampa la sfida contro l'Empoli di domenica pomeriggio. Abbiamo chiuso immediatamente il discorso della partita di domenica scorsa, con gli episodi connessi. Sappiamo che dovremo vincere più partite possibili.

Sconfitta con Juventus. "Abbiamo avuto la certezza che il lavoro sta producendo buoni risultati". Ho visto la squadra davvero motivatissima dopo due sconfitte, e quindi ci sono tutte le possibilità per tornare a vincere. Non ho rivisto i filmati, ma le mie valutazioni non sono cambiate. Nei giocatori ho visto spirito e voglia di portare a casa un risultato importante. Noi dobbiamo cogliere certe occasioni per dimostrare che siamo squadra, ovviamente se non dovesse essere accolto il ricorso. "Non è vero che non abbiamo sostituti, ci sono Palacio, Eder, Gabigol, Pinamonti, tante soluzioni".

Espulsioni dovute anche a mancanza di nervi dei giocatori: "La tenuta mentale c'è, per quello che ho visto in queste settimane".

"La nostra forza", spiega Pioli "è quella di pensare ad una gara per volta. Mancano 15 partite da qui alla fine, dobbiamo cercare di vincerne veramente tante per sperare, ma concentriamoci su un impegno per volta". L'obiettivo è essere tra le prime tre posizioni, che questa società merita per storia e tradizione. "Quota 80? Purtroppo davanti a noi corrono tantissime, ma anche dietro ci sono Lazio, Milan, Atalanta..."

Anche in precedenza abbiamo giocato con una linea difensiva diversa. Si può giocare bene anche con chi non è centravanti puro, l'importante è sfruttare al meglio le caratteristiche dei giocatori, dobbiamo metterli nelle condizioni migliori. "Molto dipenderà tutto dai movimenti, dalle situazioni e dallo schieramento degli avversari".

Altre Notizie