Mercoledì, 19 Giugno, 2019

La Juventus passa a Crotone: Mandzukic e Higuain lanciano la fuga

Esposti Saturniano | 10 Febbraio, 2017, 15:05

Se hai frenato la capolista Juventus per 45 minuti e più, sì, si può vincere.

Il Crotone, che oggettivamente non poteva chiedere di più da questa sfida, resta inchiodato al penultimo posto in classifica con tredici punti all'attivo, a nove lunghezze dall'Empoli quartultimo e ad oggi salvo.

LE FORMAZIONI - Per il match di cartello tra le mura amiche dell'Ezio Scida il Crotone si schiera con un 4-4-2 abbastanza difensivo per provare a tamponare l'ostico attacco bianconero. Rispetto alla sconfitta di Palermo, Nicola è pronto a cambiare.

POLEMICA INTER-JUVENTUS - "Personalmente - ha aggiunto l'ex presidente della Juventus a Calciomercato.it - eviterei le polemiche sia da una parte che dall'altra, perché se si fanno delle polemiche bisogna avere la classe e la capacità comunicativa per farle in maniera ironica". Rugani al centro della difesa insieme a Bonucci e Asamoah-Daniel Alves sulle corsie esterne.

Marcatori: 60′ Mandzukic, 74′ Higuain.

"Io, personalmente, sono sempre stato contro le polemiche. - ha esordito in esclusiva ai nostri microfoni Cobolli Gigli - E' capitato anche a me nella mia vita sportiva con la Juventus di fare polemica in occasione di una partita contro il Napoli, ma ho sempre cercato di evitarle". Qualche dubbio solo su due possibili rigori non concessi: uno alla Juve nel primo tempo per un fallo su Dybala e l'altro nel finale per il Crotone, per una trattenuta prolungata di Rugani su Falcinelli.

Nel secondo tempo il gol al 15': Bonucci ha aperto sulla destra su Alves che ha crossato, Asamoah ha toccato di testa, Cordaz ha respinto vicino il palo alla sua destra e Mandzukic da posizione difficile ha infilato rasoterra. Un successo preziosissimo, ottenuto contro una squadra che ha dimostrato di poter equivalere ai campioni d'Italia e che arrivava allo Stadium dopo avere collezionato una striscia consecutiva di ben sette vittorie. Non a caso passa un quarto d'ora e la gara si sblocca.

Il tecnico lusitano è un manager potenzialmente eccellente anche per guidare club di primissima fascia ma al momento è visto come troppo attaccato a schemi e sofismi personali che si traducono in gare giocate benissimo ma spesso perse. Al 70′ Nicola tenta di cambiare le carte in tavola inserendo Acosty, all'esordio in maglia rossoblù, il quale rileva Sampirisi sulla fascia destra per aggiungere qualità al reparto offensivo. La Juve ci mette poco a chiudere la partita: al 74' gran passaggio filtrante di Rincon per Higuain, il Pipita in area supera in dribbling anche il portiere prima di depositare la palla in rete.

Nulla da fare per gli squali che nell'arco dei 90 minuti di gioco non riescono proprio a proporsi in avanti, nonostante l'ingresso di Trotta e del giovane attaccante Suljic. Poi è Higuain a fallire il tris, quando spara alto sulla traversa.

Al triplice fischio dell'arbitro Valeri il risultato definitivo è 0-2. Per il Crotone è sempre più notte fonda, il sogno della A sta pian piano svanendo. La redazione, pertanto, non è da considerarsi necessariamente in linea con gli stessi.

Altre Notizie