Sabato, 17 Agosto, 2019

Buon avvio per UBI Banca (+1,3%)

Chiude 2016 con perdita 830,2 mln dividendo 11 centesimi Buon avvio per UBI Banca (+1,3%)
Esposti Saturniano | 10 Febbraio, 2017, 13:39

Cet1 a 11,22% (Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Milano, 10 feb - Ubi Banca ha chiuso il 2016 con una perdia di 830,2 milioni, a fronte di un utile di 116,8 nel 2015. Quanto alla solidita' patrimoniale, il coefficiente Cet1 fully loaded e' all'11,22% (da 11,28% in settembre) e non include ancora l'effetto della deducibilita' fiscale delle maggiori rettifiche su crediti (+40 punti base). Il Consiglio di Gestione proporra' all'Assemblea, che si terra' in unica convocazione il 7 aprile, la distribuzione di un dividendo unitario di 0,11 euro per ciascuna delle azioni che risulteranno in circolazione dopo il completamento delle operazioni di concambio relative alle fusioni previste per il completamento del progetto Banca Unica (data di efficacia 20 febbraio 2017), al netto delle azioni che saranno detenute in portafoglio. In primis l'attuazione del piano industriale con circa 850 milioni contabilizzati a partire da giugno, poi 50,4 milioni di contributi al Fondo di risoluzione, la svalutazione di Atlante per 52,9 milioni. Al netto degli impatti del Piano Industriale e delle poste straordinarie, il 2016 si è chiuso con un utile normalizzato di 111,6 milioni (189 mln nel 2015). I proventi operativi sono pari a 3.119,5 milioni (3.371 mln in 2015), il margine di interesse e' di 1.498 milioni (1.631 mln in 2015), le commissioni nette sono di 1.335 milioni (+2,7% a/a), il risultato dell'attivita' finanziaria si e' posizionato a 153,7 milioni (290,6 milioni in 2015).

Per quello che riguarda i crediti deteriorati, a fine dicembre 2016 lo stock di crediti deteriorati lordi totali si era contratto a 12,52 miliardi di euro, con un calo del 6.8% rispetto a inizio anno.

Migliora la qualità prospettica dell'attivo con una riduzione del 47% dei flussi da crediti in bonis a deteriorati. La flessione ha contribuito alla riduzione dello stock totale di crediti deteriorati netti a 8,06 miliardi (-16,9% rispetto al dato di inizio anno).

Altre Notizie